AppleiPhone

Gli analisti prevedono che Apple venderà il suo 2 miliardesimo iPhone nel 2020

La società è vicina al traguardo di 2 miliardi di iPhone venduti

Il 9 gennaio 2007, Steve Jobs annunciava il primo iPhone alla convention Macworld. L’iconico smartphone ha continuato a vendere 6,1 milioni di unità in cinque trimestri. Tredici anni di avanzamento rapido e si prevede che il gigante della tecnologia i due miliardi di iPhone venduti nell’anno fiscale 2020.

Secondo gli analisti intervistati da Bloomberg, Apple è sulla buona strada per vendere quasi 195 milioni di iPhone nel 2020 fiscale, un aumento rispetto ai 186 milioni di iPhone venduti lo scorso anno, portando il numero totale di iPhone venduti dal lancio a circa 1,9 miliardi.

iPhone

Il capo di Apple, Tim Cook, ha dichiarato che alla fine del 2018 la sua azienda “stava per spedire il su 2 miliardesimo dispositivo iOS”. Nota che ha menzionato i dispositivi iOS, non gli iPhone, perché quella cifra include anche iPod touch e iPad con questi ultimi venduti ad un tasso di circa 1 per ogni 4.9 iPhone.

Apple ha venduto il suo miliardesimo iPhone il 26 luglio 2016. Poco più di un anno dopo, nell’agosto 2017, il gigante della tecnologia ha annunciato la vendita cumulativa di 1,2 miliardi di iPhone.

Bloomberg ha osservato:

Da quei primi giorni, l’attività di iPhone si è evoluta in modo significativo. Il mercato globale degli smartphone è saturo. E mentre Apple fa ancora affidamento sulle vendite di nuovi dispositivi, il suo modello di business è sempre più legato all’ecosistema che circonda l’iPhone.

Mentre le vendite di unità sono in calo, la base installata attiva di iPhone di Apple ha raggiunto il massimo storico alla fine di dicembre 2019, quando la società ha rivelato che aveva 900 milioni di iPhone attivi e 1,4 miliardi di dispositivi totali attivi.

Ciò che ci dice sono due cose:

  1. Le persone continuano a tenere il proprio iPhone più a lungo a causa dei prezzi più alti e del fatto che i modelli rilasciati negli ultimi anni con i loro sofisticati chip progettati da Apple sono in grado di supportare gli aggiornamenti annuali del software iOS per gli anni a venire.
  2. Le persone si iscrivono sempre più ai vari servizi di Apple e sembrano usarli sempre di più ogni giorno.

Apple ha smesso di segnalare le vendite di unità iPhone alla fine del trimestre festivo del 2018.

Nel frattempo, i servizi nel 2019 hanno registrato finora i ricavi più elevati.

Durante il trimestre di settembre 2019, ad esempio, Apple ha incassato 12,5 miliardi di entrate trimestrali nei servizi, un nuovo massimo storico. Per dirla in altro modo, le entrate dei servizi annuali della società superano ora i $ 50 miliardi.

servizi apple

Se le previsioni degli analisti sono corrette, il numero di iPhone venduti quest’anno sarà ben al di sotto del numero totale venduto durante gli anni di picco degli iPhone del 2015, 2016, 2017 e 2018. Eppure, si prevede che Apple genererà entrate record quest’anno di oltre $ 275 miliardi grazie al suo modello di business in evoluzione.

Alcune delle linee di prodotti i cui ricavi sono riportati in servizi includono App Store, Mac App Store, Apple Music, iTunes Store, Apple TV +, Apple Arcade, Apple News, Apple News +, Apple Card, Apple Pay e iCloud.

Ciò che è fondamentale per il futuro di Apple, è la sua capacità di convincere i consumatori a continuare ad acquistare nuovi iPhone perché il colosso di Cupertino è principalmente una società di hardware e l’iPhone è ancora la fonte dominante della sua attività.

“E gran parte della crescita delle entrate dei servizi Apple è possibile solo grazie a tutti gli iPhone nelle tasche degli utenti di smartphone in tutto il mondo”, ha concluso Bloomberg.

 

 

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!