Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

News

Unico connettore per tutti gli smartphone? L’Europa ci pensa

I legislatori europei vogliono che tutti gli smartphone usino lo stesso connettore

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Con l’obiettivo di ridurre gli sprechi e aumentare la convenienza, i legislatori europei discuteranno se tutti gli smartphone, i tablet e altri dispositivi portatili debbano avere una porta di ricarica standardizzata come USB-C.

Almeno alcuni membri del Parlamento europeo vogliono “misure vincolanti” che garantiscano che un tipo di caricabatterie sia compatibile con tutti i dispositivi portatili, in quanto il precedente approccio della Commissione europea di “incoraggiare” le società tecnologiche a sviluppare una soluzione standardizzata è “mancato obiettivi del colegislatore“, secondo un briefing sul sito web del Parlamento europeo.

Connettore smartphone

Le porte di ricarica proposte per i dispositivi portatili includono Micro-USB, USB-C e la porta Lightning.

Quasi un anno fa, Apple ha affermato che le normative che costringerebbero tutti gli smartphone ad avere la stessa porta di ricarica “congelerebbero l’innovazione“, “farebbero male all’ambiente” e “sarebbero inutilmente dannose per i clienti“.

Oltre 1 miliardo di dispositivi Apple sono stati spediti utilizzando un connettore Lightning oltre a un intero ecosistema di produttori di accessori e dispositivi che utilizzano Lightning per servire i nostri clienti collettivi. Vogliamo fare in modo che qualsiasi nuova normativa non comporterà la spedizione di tutti i cavi non necessari o adattatori esterni con ogni dispositivo, o rendere obsoleti i dispositivi e gli accessori utilizzati da molti milioni di europei e centinaia di milioni di clienti di Apple in tutto il mondo. Ciò comporterebbe un volume senza precedenti di rifiuti elettronici e un grande disagio per gli utenti. Essere costretti a sconvolgere questo enorme mercato avrà conseguenze ben al di là degli obiettivi dichiarati della Commissione.

A partire dal 2009, Apple ha guidato gli sforzi del settore a lavorare insieme per promuovere una soluzione di ricarica comune. E con l’emergere di USB Type-C, insieme a sei altre aziende ci siamo impegnati a far sì che tutti i nuovi modelli di smartphone sfrutteranno questo standard tramite un connettore o un cavo assemblato. Riteniamo che questo sforzo collettivo di molte delle aziende leader del settore sia migliore per l’innovazione, migliore per i consumatori e migliore per l’ambiente.

Un voto sulla questione si terrà in una prossima sessione parlamentare. Mentre alcuni membri vogliono che la politica sia regolata, costringendo aziende come Apple a conformarsi, esiste ancora la possibilità che venga attuata con un approccio volontario, che potrebbe semplicemente essere ignorato, secondo la Commissione europea.

I legislatori europei hanno preso in considerazione regolamenti simili dal 2009.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.