Entra su Scontiamolo, il nostro canale di Offerte e Sconti su Telegram.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

App Store

PS Now, Google Stadia ed altri servizi di giochi non arriveranno mai in App Store

Apple è sottoposta a un maggiore controllo in quanto Stadia di Google, xCloud di Microsoft e GeForce Now di Nvidia sono bloccati o gli è completamente vietato raggiungere gli utenti di iPad e iPhone.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Come evidenziato in un nuovo rapporto di Bloomberg, le attuali regole di Apple impediscono ai produttori di servizi di streaming di giochi di ottenere un’app sull’App Store. Le regole non consentono a un’app di fungere da repository di giochi che può contenere contenuti di altri editori.

Ciò significa che servizi in crescita come GeForce Now, xCloud, PS Now e Google Stadia non possono raggiungere ai clienti iPhone e iPad.

I servizi di streaming di giochi online funzionano ospitando il gioco su server nel cloud, essenzialmente trasmettendo in streaming un gioco renderizzato ai dispositivi dell’utente. Ciò significa che un gioco può essere giocato su un dispositivo mobile ma avere la fedeltà grafica di una console o di un PC di fascia alta; il compromesso è la latenza dello streaming. Molte aziende stanno provando a lanciare questo tipo di servizio.

Naturalmente, queste aziende sono infastidite dal fatto che le loro piattaforme siano incompatibili con le linee guida dell’App Store e non possano essere avviate su iOS. Nel frattempo, Apple ha lanciato e promuove fortemente il proprio servizio di abbonamento di giochi, Apple Arcade, che è integrato nell’app App Store su ogni dispositivo iOS 13.

Tecnicamente, Apple Arcade non viola le regole. Ecco il paragrafo pertinente delle Linee guida per la revisione dell’App Store:

Puoi offrire un singolo abbonamento condiviso tra le tue app e servizi, ma questi abbonamenti potrebbero non estendersi ad app o servizi di terze parti. I giochi offerti in un abbonamento di gioco devono essere di proprietà o in licenza esclusiva dello sviluppatore (ad es. Non parte di una piattaforma di pubblicazione di giochi). Ogni gioco deve essere scaricato direttamente dall’App Store, deve essere progettato per evitare doppi pagamenti da parte di un abbonato e non deve svantaggiare i clienti non abbonati.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Apple Arcade è un servizio di abbonamento a giochi in cui tutti i giochi vengono scaricati direttamente dallo store e pubblicati o concessi in licenza esclusiva da Apple. Arcade non è un servizio di streaming; i giochi vengono scaricati e salvati localmente.

Apple Arcade

La clausola, come scritto, invalida essenzialmente l’attività di tutti i servizi di streaming di giochi. Bloomberg osserva che è stato approvato un servizio di abbonamento di giochi di terze parti, GameClub. Tuttavia, è un modello simile a Arcade (solo offline, nessuno streaming e un’app separata viene scaricata per ogni titolo) e ci sono voluti 127 tentativi per superare la revisione dell’App Store.

E anche i servizi all-you-can-play sono vietati. Apple richiede che “ogni gioco debba essere scaricato direttamente dall’App Store” piuttosto che un catalogo di giochi. Apple, tuttavia, consente cataloghi per app come riviste, musica, video e libri.

“Esiste una relazione intensa tra sviluppatori e Apple proprio a causa di regole come questa”, ha dichiarato David Barnard, uno sviluppatore indipendente di vecchia data e avvocato presso RevenueCat “In un certo senso, sono incredibilmente grato al loro mercato per avermi aiutato a guadagnare milioni di dollari e non ce l’avrei fatta senza di lei. D’altro canto, essendo così pesanti a volte uccidono le app e fanno perdere agli sviluppatori altre potenziali entrate “.

Le numerose restrizioni hanno iniziato a sollevare preoccupazioni antitrust.

Il Dipartimento di Giustizia ha intervistato gli sviluppatori come parte di una sonda antitrust nelle principali aziende tecnologiche e il loro controllo sui mercati digitali e se stanno competendo in modo equo. Aziende come Spotify e Tile hanno dichiarato che il trattamento preferenziale di Apple per i propri prodotti rende difficile competere con essa.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.