Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Notizie

Facebook ha tentato di acquistare uno “strumento per spiare gli utenti iPhone” nel 2017

Il social network non è estraneo ai problemi di privacy e sicurezza degli utenti, e nuovi documenti giudiziari rivelano che l'azienda stava cercando di mettere le mani su uno strumento di spionaggio per tracciare utenti specifici.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Negli ultimi anni, Facebook ha avuto molti problemi di privacy e sicurezza e ulteriori dettagli su uno di essi sono emersi attraverso un nuovo processo giudiziario mentre la società di social media sta citando in giudizio la società spyware NSO Group. Dai nuovi documenti, è emerso che la società ha tentato di acquistare controversi spyware governativi per monitorare gli utenti di iPhone e iPad.

Riferito da Motherboard, quando Facebook stava iniziando a costruire il suo spyware nascosto in un prodotto VPN, Onavo Protect per iOS e Android, ha contattato la società NSO Group che crea spyware per agenzie governative.

Una dichiarazione del CEO di NSO Group, Shalev Hulio, ha rivelato che “due rappresentanti di Facebook si sono rivolti a NSO nell’ottobre 2017 e hanno chiesto di acquistare il diritto di utilizzare determinate funzionalità di Pegasus“.

Nella documentazione della causa si legge:

Sembra che i rappresentanti di Facebook non fossero interessati all’acquisto di parti di Pegasus come strumento di hacking, ma più come un modo per monitorare in modo più efficace i telefoni degli utenti che avevano già installato Onavo.

E in particolare, la società ha pensato che Pegasus avrebbe dato un vantaggio nel spiare gli utenti di iPhone e iPad in quanto i dispositivi Apple sono più difficili da compromettere rispetto a quelli Android.

“I rappresentanti di Facebook hanno dichiarato che erano preoccupati perché il loro metodo di raccolta dati degli utenti tramite Onavo Protect fosse meno efficace sui dispositivi Apple rispetto ai dispositivi Android”, si legge nel processo giudiziario.

“I rappresentanti hanno anche affermato che la società voleva utilizzare le presunte funzionalità di Pegasus per monitorare gli utenti sui dispositivi Apple e che fossero anche disposti a pagare per questo.”

Facebook

NSO ha rifiutato di vendere Pegasus, ma ha comunque creato e lanciato Onavo senza Pegasus come strumento spyware all’inizio del 2018 camuffata da app VPN.

Apple ha rimosso Facebook Onavo Protect dall’App Store nell’agosto del 2018.

Quindi, nel 2019, l’ha riproposta come “App di ricerca” e ha cercato di pagare gli adolescenti per fargli installare l’app sui loro dispositivi e consentire a Facebook di raccogliere i loro dati.

Anche l’app di ricerca è stata chiusa e Facebook ha ritirato Onavo a febbraio 2019.

Anche se Facebook non è stato in grado di ottenere effettivamente lo “strumento di spionaggio di Apple” che desiderava, vale sicuramente la pena sapere che ha cercato di ottenerlo. In particolare per spiare gli utenti di iPhone e iPad.

Cosa pensate di questa mossa da parte di Facebook? Perché ha cercato di acquistare un’app per spiare  gli utenti Apple? Fateci sapere nei commenti qui sotto.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.