Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

AppleNotizie

Apple nega le “false affermazioni” del Dipartimento di Giustizia riguardo alle indagini su Pensacola

"Le false affermazioni fatte sulla nostra azienda sono una scusa per indebolire la crittografia e altre misure di sicurezza che proteggono milioni di utenti e la nostra sicurezza nazionale."

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

L’FBI degli Stati Uniti e il procuratore generale William Barr a gennaio hanno chiesto ad Apple di sbloccare gli iPhone utilizzati in una sparatoria di massa in una stazione aerea navale di Pensacola, in Florida, ma la società si è rifiutata più volte di farlo.

Oggi, l’FBI ha confermato di essere stata in grado di accedere al dispositivo dell’attentatore Mohammed Alshamrani, con il direttore dell’FBI Christoper Wray che ha affermato che l’FBI non ha ricevuto “alcun aiuto” da parte di Apple. Il procuratore generale William Barr ha affermato che è stata una “grande delusione” che la società si sia rifiutata di aiutare gli investigatori. Da Barr:

“Apple ha preso una decisione commerciale e di marketing per progettare i propri telefoni in modo tale che solo l’utente possa sbloccare i contenuti, indipendentemente dalle circostanze. In casi come questo, in cui l’utente è un terrorista o in altri casi, la decisione di Apple ha conseguenze pericolose per la sicurezza pubblica e la sicurezza nazionale ed è a mio giudizio inaccettabile “.

Apple ha rilasciato una dichiarazione in risposta, che è stata condivisa da Mark Gurman di Bloomberg. Nell’affermazione, la società descrive in dettaglio che ha fornito assistenza per le indagini e ha fornito dati archiviati in iCloud poche ore dopo l’attacco.

L’attacco terroristico ai membri dei servizi armati statunitensi alla Stazione aeronavale di Pensacola, in Florida, è stato un atto devastante e atroce. Apple ha risposto alle prime richieste di informazioni dell’FBI poche ore dopo l’attacco del 6 dicembre 2019 e ha continuato a sostenere le forze dell’ordine durante le loro indagini. Abbiamo fornito tutte le informazioni a nostra disposizione, inclusi backup ‌iCloud‌, informazioni sull’account e dati transazionali per più account e da mesi forniamo supporto tecnico e investigativo continuo e continuo agli uffici dell’FBI a Jacksonville, Pensacola e New York.

Apple ha affermato che i commenti di Wray e Barr sulla mancanza di aiuto dell’azienda sono poco più che una “scusa per indebolire la crittografia“.

Su questo e molte migliaia di altri casi, continuiamo a lavorare 24 ore su 24 con l’FBI e altri investigatori che mantengono gli americani al sicuro e assicurano i criminali alla giustizia. In quanto orgogliosa azienda americana, riteniamo che la nostra responsabilità sia quella di supportare l’importante lavoro delle forze dell’ordine. Le false affermazioni fatte sulla nostra azienda sono una scusa per indebolire la crittografia e altre misure di sicurezza che proteggono milioni di utenti e la nostra sicurezza nazionale.

È perché prendiamo la nostra responsabilità nei confronti della sicurezza nazionale così seriamente che non crediamo nella creazione di una backdoor – una che renderà ogni dispositivo vulnerabile ai malintenzionati che minacciano la nostra sicurezza nazionale e la sicurezza dei dati dei nostri clienti. Non esiste una backdoor solo per le forze dell’ordine, e il popolo americano non deve scegliere tra indebolimento della crittografia e indagini efficaci.

I clienti contano su Apple per proteggere le proprie informazioni e uno dei modi in cui lo facciamo è utilizzare una crittografia avanzata su dispositivi e server. Vendiamo lo stesso iPhone ovunque, non memorizziamo i passcode dei clienti e non abbiamo la capacità di sbloccare dispositivi protetti con passcode. Nei data center implementiamo solide protezioni di sicurezza hardware e software per proteggere le informazioni e garantire che non vi siano backdoor nei nostri sistemi. Tutte queste pratiche si applicano ugualmente alle nostre operazioni in tutti i paesi del mondo.

Come ha fatto in molte precedenti controversie con le forze dell’ordine statunitensi, Apple ha ribadito che non esiste una backdoor progettata solo per i bravi ragazzi. L’indebolimento della crittografia nei dispositivi li renderebbe vulnerabili agli attacchi di entità maligne, che potrebbero compromettere non solo i dati dei clienti, ma anche la sicurezza nazionale.

Apple afferma che i clienti possono contare sulla società per proteggere le proprie informazioni con una crittografia avanzata, facendo sapere ancora una volta ai funzionari delle forze dell’ordine che non ha intenzione di cambiare idea a riguardo.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.