Notizie

L’India cerca di spingere la produzione di smartphone nel paese

L'India sta incentivando i produttori di smartphone a realizzare strutture di produzione nel paese, adeguando le regole del suo programma PLI, un cambiamento che potrebbe consentire ad Apple di aumentare la produzione nella regione.

Il governo indiano sta cercando di spingere i produttori a portare più produzione di smartphone e telefoni cellulari nel paese con il suo programma di incentivi legati alla produzione (PLI).

Il PLI offre una serie di vantaggi per un periodo di cinque anni se i produttori stranieri rispettano regole specifiche o raggiungono determinati obiettivi durante la creazione o la gestione di impianti di produzione.

Nonostante i potenziali vantaggi, finora Apple ha rifiutato di accettare l’offerta, ma le modifiche allo schema riportato da Economic Times potrebbero spingere il produttore di iPhone a cambiare idea.

Una delle clausole è che le macchine per impianti acquistate dalla Cina e dalla Corea del Sud per l’uso nella produzione devono essere valutate solo al 40% del suo valore reale. Per un produttore come Apple, pertanto, dovrebbe avere lo stesso macchinario localmente per avere una valutazione più alta, o importare più del doppio di macchinari di cui potrebbe necessariamente aver bisogno per soddisfare i livelli di spesa richiesti.

Venerdì, un funzionario a conoscenza di una riunione di un comitato di segretari che organizza il programma ha affermato che la clausola del 40% è stata rimossa. Sono state inoltre apportate alcune altre modifiche, come l’inclusione di membri del settore manifatturiero degli smartphone nelle discussioni prima di apportare ulteriori modifiche al sistema dopo che una società ha investito e avviato la produzione.

“In precedenza, una clausola consentiva solo al comitato abilitato di essere in grado di modificare unilateralmente le regole, ma gli investitori avevano espresso preoccupazione per questa clausola”, afferma il funzionario.

Altre modifiche includono l’alterazione di vari limiti, la rimozione di una clausola che consentirebbe al governo di rilasciare l’incentivo ai produttori che raggiungono gli obiettivi solo se ha a disposizione i soldi per farlo, e una riduzione delle “informazioni commerciali eccessive” da cui il governo voleva aziende partecipanti.

I produttori riceveranno incentivi classificati tra il 4% e il 6% del valore della produzione per un periodo di cinque anni, se producono smartphone che superano determinati valori che aumentano ogni anno, in eccesso rispetto al valore della produzione base dell’anno.

Si prevede che le modifiche saranno formalmente annunciate nel corso della prossima settimana.

L’obiettivo del governo è quello di cercare di convincere un numero maggiore di società straniere a utilizzare l’India per la sua produzione anziché fare affidamento sulle catene di approvvigionamento esistenti che operano in Cina e in altre regioni. Per i produttori, a parte un vantaggio finanziario offerto dal regime, l’espansione nella produzione in India offre l’opportunità di diversificare la catena di approvvigionamento, consentendo di non subire le conseguenze di gravi emergenze come COVID-19 o questioni politiche come la guerra commerciale tra USA e Cina.

La maggior parte della produzione di Apple si svolge in Cina, ma presumibilmente sta guardando l’India come un possibile hub di produzione secondaria. Il colosso di Cupertino utilizza già i partner contrattuali Wistron e Foxconn per la produzione locale di iPhone, con la sua partecipazione allo schema che ruota attorno all’aumento della sua produzione attraverso i suoi partner.

L’11 maggio, Apple avrebbe preso in considerazione l’idea di accettare l’offerta dell’India e da mesi parlava con funzionari governativi di alto livello del possibile aumento della produzione. È stato suggerito che la società stesse cercando di spostare un quinto della produzione cinese esistente in India, che potrebbe equivalere a 40 miliardi di dollari di entrate manifatturiere locali nei prossimi cinque anni.

Secondo alcuni dati stimati, Apple vende iPhone per un valore di circa 1,5 miliardi di dollari all’anno in India, con una quota di mercato compresa tra il 2 e il 3%. Poiché si ritiene che gli sforzi produttivi esistenti ammontino a meno di 0,5 miliardi di dollari all’anno, la società dovrebbe pertanto effettuare investimenti considerevoli per rafforzare le proprie catene di approvvigionamento per raggiungere l’obiettivo PLI richiesto.

L’aumento della produzione aiuterà anche Apple con il suo altro obiettivo di possedere i propri punti vendita in India. La società di Cupertino punta ad aprire il primo spazio commerciale nel paese nel 2021, ma per farlo ha dovuto rispettare alcune severe restrizioni.

In base alle regole di proprietà, un marchio straniero come Apple dovrebbe reperire localmente almeno il 30% dei suoi prodotti venduti nei negozi, che consisterebbe in gran parte di iPhone realizzati da Foxconn o Wistron nel paese.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!