Notizie

Google è accusata di aver utilizzato in modo illecito i dati degli utenti

Il regolatore australiano della concorrenza ha accusato Google di aver ingannato gli utenti per ottenere l'autorizzazione per usare i loro dati personali per pubblicità mirate.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Il regolare concorrente australiano ha accusato Google di non aver ottenuto l’autorizzazione adeguata dai consumatori per utilizzare i dati personali per la pubblicità mirata.

Annunciata lunedì, la Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori (ACCC) ha avviato procedimenti giudiziari contro Google, ritenendo che la società abbia ingannato i consumatori per ottenere il consenso ed “ampliare la portata delle informazioni personali che potrebbe raccogliere e combinarle con le attività Internet dei consumatori. ”

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


ACCC, insiste sul fatto che l’azienda statunitense non ha informato correttamente i consumatori e non è riuscita ad ottenere il consenso esplicito attraverso una modifica apportata nel 2016, che ha portato a combinare le informazioni personali dagli account Google con i dati sulle attività di un utente provenienti da altre fonti. Questi dati esterni, sono stati raccolti su pagine che utilizzavano gli strumenti pubblicitari DoubleClick della società.

“A seconda delle impostazioni dell’account, la tua attività su altri siti e app potrebbe essere associata alle tue informazioni personali al fine di migliorare i servizi di Google”.

L’ACCC sostiene che la notifica fosse fuorviante, poiché i consumatori non hanno potuto comprendere correttamente le modifiche apportate da Google né il modo in cui i loro dati sarebbero stati utilizzati.

Tuttavia, Google ha affermato che la modifica è stata facoltativa e che è stato richiesto il consenso del consumatore attraverso notifiche importanti e di facile comprensione.

Il regolatore australiano sostiene che la società ha utilizzato i dati combinati per aumentare la pubblicità mirata – una fonte di reddito chiave – e che non ha chiarito ai consumatori i cambiamenti della sua nuova politica sulla privacy.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.