Curiosità

Apple ha acquistato divise da un’azienda cinese accusata di lavoro forzato

Secondo un nuovo rapporto, Apple ha acquistato le divise per i dipendenti degli Apple Store da un fornitore cinese accusato di violazioni di diritti umani.

Secondo un rapporto di The GuardianApple ha già acquistato le divise per i dipendenti degli Apple Store da una filiale di una società che il governo degli Stati Uniti sostiene abbia violato i diritti umani nella regione cinese dello Xinjiang.

La società in questione, Changji Esquel Textile, è una filiale del gruppo di abbigliamento di Hong Kong Esquel ed i registri di spedizione rivelano che la società ha sede nella regione cinese dello Xinjiang.

A luglio, il governo degli Stati Uniti ha imposto sanzioni ad Esquel e ad altre 10 società cinesi per presunte violazioni dei diritti umani, compreso il lavoro forzato. Il segretario al commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, ha detto che le sanzioni avevano lo scopo di impedire che le aziende statunitensi fossero implicate nella “spregevole offensiva del partito comunista cinese contro le minoranze musulmane indifese“.

Esquel ha negato le accuse di abuso, affermando che “non abbiamo fatto assolutamente niente, non lo facciamo e non utilizzeremo mai il lavoro forzato in nessuna parte della nostra azienda“, mentre tentava di presentare ricorso contro le sanzioni. Un audit internazionale del 2019 ha rilevato che nell’azienda non esisteva la schiavitù moderna.

Fino a poco tempo, il sito web di Esquel elencava Apple come “cliente importante“. Un mese prima che le sanzioni venissero annunciate, Esquel aveva inviato una spedizione di camicie in maglia di cotone agli Apple Store in California, come ha mostrato il database gestito dal fornitore globale di informazioni sulle spedizioni Panjiva.

“Esquel non è un fornitore diretto di Apple, ma i nostri fornitori utilizzano cotone dai loro stabilimenti a Guangzhou e in Vietnam. Abbiamo confermato che nessun fornitore Apple acquista cotone dallo  stabilimento Xinjiang e non ci sono piani per un ordine futuro di cotone dalla regione”, ha affermato un portavoce del colosso di Cupertino.

La dichiarazione non menziona se Esquel o qualsiasi azienda tessile con sede nello Xinjiang fosse in precedenza un fornitore di Apple. La regione dello Xinjiang è particolarmente associata al lavoro forzato, secondo The Guardian

A marzo, un rapporto dell’Australian Strategic Policy Institute ha nominato Apple tra le altre 83 grandi aziende che beneficiano dell’uso di programmi di trasferimento di manodopera potenzialmente abusivi nello Xinjiang.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!