Notizie

Apple si è classificata dodicesima nella classifica Fortune Global 500 2020

Le 500 più grandi aziende del mondo hanno generato 33,3 trilioni di dollari di ricavi e 2,1 trilioni di profitti nel 2019. Insieme, le società Fortune Global 500 di quest'anno danno lavoro a 69,9 milioni di persone in tutto il mondo e sono rappresentate da 32 paesi.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Apple, si è classificata al terzo posto nell’elenco annuale Fortune Global 500 delle più grandi aziende al mondo per profitto e al dodicesimo per fatturato.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Il reddito operativo delle società Fortune Global 500 di quest’anno ha raggiunto un livello record di 33 trilioni di dollari, vicino al PIL combinato di Cina e Stati Uniti. Insieme, le società Fortune Global 500 di quest’anno danno lavoro a 69,9 milioni di persone in tutto il mondo e sono rappresentate da 32 paesi. Wal-Mart è stata ancora una volta la più grande azienda del mondo, per il settimo anno consecutivo.

Secondo la classifica, le entrate del produttore di iPhone sono state di 260,174 miliardi di dollari, di cui 55,256 miliardi di profitto. Il colosso di Cupertino, è stato superato nei profitti solo dalla società di investimenti Berkshire Hathaway e dalla compagnia petrolifera Saudi Aramco. È interessante notare che Berkshire Hathaway ha una partecipazione del 5,7% in Apple, che rappresenta più di un quinto del suo intero valore.

Nonostante una leggera flessione per Apple nell’ultimo anno finanziario, Fortune rimane positiva sulla capacità della società di fare soldi. iPhone continua a dominare le vendite, anche se gli abbonamenti stanno rapidamente diventando una parte importante del modello di business della società.

“Apple ha perso un pò nel 2019, in calo del 2% a 260 miliardi di dollari di vendite. La capacità del produttore di iPhone di fare soldi ha attutito il colpo. Apple ha guadagnato 55 miliardi di dollari. Tre categorie raccontano la storia del calo delle vendite della società: le vendite di iPhone, il 55% del totale di Apple, sono diminuite del 14%;lL’aumento delle vendite dei servizi come lo streaming e gli abbonamenti, il 18% del totale, è cresciuto del 16%; ed i dispositivi indossabili (AirPods e Apple Watch) e altri accessori non telefonici (iPod, HomePod e prodotti Beats) sono aumentati del 41%, ma rappresentano solo il 9% della torta”.

Si stima che Apple abbia attualmente 137.000 dipendenti e recentemente ha registrato un fatturato record del terzo trimestre fiscale di 59,7 miliardi di dollari e un utile netto trimestrale di 11,25 miliardi di dollari.

La società, si è classificata nella top 20 di Fortune Global 500 dal 2013. L’anno scorso, l’azienda si è classificata un posto più in alto sia per entrate che per profitto. A maggio, il produttore di iPhone si è classificato al quarto posto nell’elenco Fortune 500 delle più grandi società americane. Apple si è classificata tra i primi cinque per sette anni consecutivi.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.