Notizie

Violazione brevetti: Apple dovrà pagare 506 milioni di dollari a PanOptis

Oggi, una giuria federale del Texas ha stabilito che Apple deve pagare 506,2 milioni di dollari per aver intenzionalmente violato una manciata di brevetti 4G LTE di proprietà di PanOptis e società collegate.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Secondo una sentenza odierna, Apple è stata condannata a pagare 506 milioni di dollari per aver violato brevetti detenuti da PanOptis e società collegate.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Come riporta Law360, la sentenza proviene da una giuria federale del distretto orientale del Texas. In particolare, questo è stato il primo processo con giuria di persona su violazione dei brevetti dall’inizio della pandemia COVID-19.

La causa era focalizzata su una manciata di brevetti Optis Wireless, tutti relativi all’uso della tecnologia cellulare LTE utilizzata su iPhone, Apple Watch e iPad. Apple aveva cercato di dimostrare durante il processo di non aver violato la tecnologia dei brevetti per accedere alle reti LTE.

Uno degli argomenti chiave del colosso di Cupertino, era che si poteva esaminare un iPhone per scoprire che non aveva violato i brevetti in questione. Apple aveva sostenuto che la compatibilità dell’iPhone con LTE – come altri smartphone sul mercato – non era una prova di violazione.

Optis Wireless ha sostenuto che Apple ha violato i suoi brevetti e ha rifiutato di stipulare un accordo di licenza. La società ha sostenuto di aver offerto al produttore di iPhone una “licenza globale” per l’utilizzo dei brevetti essenziali per gli standard relativi a LTE. Optis Wireless ha sostenuto di aver negoziato “ripetutamente” con Apple un accordo, ma i negoziati non hanno avuto successo.

I brevetti al centro del caso:

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


  • Metodo e apparato per la trasmissione e la ricezione di messaggi di canale di controllo condiviso in un sistema di comunicazione wireless utilizzando l’accesso multiplo a divisione di frequenza ortogonale
  • Metodo per la trasmissione e la ricezione di informazioni di controllo tramite PDCCH
  • Apparecchio per stazione mobile e metodo di accesso casuale
  • Sistema e metodo per la stima del canale in un sistema di comunicazione wireless con diversità di ritardo
  • Metodo per la trasmissione dei segnali di uplink
  • Cambio di modalità tra SU-MIMO e MU-MIMO
  • Segnalazione del canale di controllo utilizzando un campo di segnalazione comune per il formato di trasporto e la versione ridondante

Nonostante le argomentazioni di Apple, la giuria ha affermato che il colosso di Cupertino non è riuscita a dimostrare che le rivendicazioni di brevetto Optis Wireless non sono valide. Pertanto, Apple deve pagare 506 milioni di dollari a Optis Wireless e alle sue società collegate per le vendite passate.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.