Notizie

Instagram è accusato di aver raccolto illegalmente dati biometrici

Secondo un nuovo rapporto, Instagram è accusato di raccogliere, archiviare e trarre profitto dai dati biometrici di oltre 100 milioni di utenti.

Facebook, proprietario di Instagram, sta affrontando una causa per la presunta raccolta dei dati biometrici degli utenti, riporta Bloomberg.

Il mese scorso, Facebook si è offerto di pagare un risarcimento di 650 milioni di dollari in una causa simile in cui è stato accusato di aver raccolto illegalmente dati biometrici tramite la funzione di tagging delle foto della piattaforma creata da Mark Zuckerberg. L’accordo non è stato ancora approvato dal giudice, ma qualora lo fosse, gli utenti interessati potrebbero essere pagati fino a 400 dollari ciascuno.

Il nuovo caso è stato presentato lunedì al tribunale dello stato della California. Facebook è stato specificamente accusato di raccogliere, archiviare e trarre profitto dai dati biometrici di oltre 100 milioni di utenti di Instagram. Fondamentalmente, gli utenti non hanno dato il consenso e non erano a conoscenza di questa presunta raccolta di dati.

Gli utenti sono stati informati della raccolta di dati biometrici su Instagram solo all’inizio di quest’anno, ma si ritiene che questa raccolta sia cominciata molto tempo prima.

La causa aggiunge che la raccolta non autorizzata di dati biometrici sarebbe una violazione della legge sulla privacy dell’Illinois. Se ritenuto colpevole, Facebook potrebbe essere costretto a pagare fino a 5.000 dollari per violazione.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!