Notizie

Anche Google rimuove Fortnite dal Play Store per aver violato i criteri di pagamento in-app

Dopo Apple, anche Google rimuove Fortnite dal Play Store per aver violato le linee guida della società.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Come Apple, Google ha rimosso Fortnite dal Play Store per aver violato le sue politiche. Ieri, il gioco ha introdotto un’opzione di pagamento diretto per bypassare la commissione del 30% sugli acquisti in-app.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


L’elenco di Fortnite è stato rimosso dal Play Store e Google ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“L’ecosistema Android aperto consente agli sviluppatori di distribuire app tramite più app store. Per gli sviluppatori di giochi che scelgono di utilizzare il Play Store, abbiamo politiche coerenti che sono giuste per gli sviluppatori e proteggono il negozio per gli utenti. Sebbene Fortnite rimanga disponibile su Android, non possiamo più renderlo disponibile sul Play Store perché viola le nostre norme. Tuttavia, accogliamo con favore l’opportunità di continuare le nostre discussioni con Epic e riportare Fortnite su Google Play”.

La mossa di Fortnite, ha ignorato una politica di Google che richiede che gli acquisti effettuati all’interno dei giochi utilizzino il metodo di fatturazione in-app del Play Store. L’argomento di Google ruota attorno alla sicurezza e all’esperienza dell’utente.

Fino a quando questo problema non sarà risolto, Epic Games non sarà in grado di rilasciare nuovi aggiornamenti tramite il Play Store. Tuttavia, lo sviluppatore potrebbe chiedere agli utenti di scaricare le App di Epic Games  dal suo sito web. Questa opzione di sideload non è disponibile su dispositivi iOS e Google cita questa soluzione alternativa nella sua dichiarazione.

La mossa odierna dello sviluppatore di Fortnite è l’ultima di una lunga serie di critiche contro gli app store per dispositivi mobili. Nel 2018, la società ha portato il gioco su Android tramite un’installazione diretta sul suo sito web. Nel dicembre dello scorso anno, Epic ha cercato di ottenere un’esenzione speciale per la fatturazione da Google e quattro mesi dopo, il gioco è stato lanciato sul Play Store.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.