PUBBLICITÀ
Notizie

Japan Display venderà la sua fabbrica di LCD a Sharp

Secondo quanto riferito, Japan Display sta finalizzando un piano per vendere il suo impianto di produzione principale di LCD a Sharp nel tentativo di alleggerire i suoi debiti con Apple.

Japan Display, società che fornisce schermi per iPhone, ha in programma di vendere una fabbrica di schermi per smartphone a Sharp per circa 377 milioni di dollari.

Secondo quanto riportato da Nikkei Asian Review, la società non è più riuscita a raggiungere i suoi obiettivi di fatturato sin da quando non è riuscita a produrre display OLED di cui Apple aveva bisogno per i suoi nuovi modelli di iPhone Pro.

La società aveva in programma di vendere la fabbrica, inattiva da Luglio 2019, entro la fine di Marzo, ma la pandemia ha rallentato le trattative con Sharp e con un altro acquirente (molto probabilmente Apple).

Japan Display, noto anche come JDI, aveva intenzione di vendere la fabbrica entro la fine di Marzo come parte del suo piano di inversione di tendenza, ma la pandemia di coronavirus ha rallentato i negoziati. La società ha annunciato un accordo alla fine del mese con un cliente anonimo per alcune apparecchiature in fabbrica, pur continuando a parlare con Sharp per scaricare le risorse rimanenti.

Secondo il rapporto, Japan Display utilizzerà i soldi della vendita per ripagare i debiti con Apple:

Quando la struttura è stata costruita, Apple ha coperto la maggior parte dei costi come parte di un “pagamento anticipato“. L’impianto, che ha iniziato a funzionare alla fine del 2016, può produrre l’equivalente di un massimo di 7 milioni di pannelli per smartphone al mese. Ma la produzione in seguito è crollata. JDI utilizzerà i fondi della vendita per rimborsare Apple per il pagamento anticipato, alleggerendo il carico sulle sue finanze.

Sharp, che attualmente produce pannelli per iPhone a Kameyama, dovrebbe consolidare la sua produzione nello stabilimento di Hakusan.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button