Notizie

Il CEO di Facebook commenta lo stretto controllo di Apple sulle app

In un'intervista, Mark Zuckerberg ha affermato che Apple ha un controllo unilaterale sull'App Store e che la piattaforma merita un controllo.

Il “giardino recintato” di Apple è spesso citato come il motivo principale per cui le persone usano o rifiutano di utilizzare i prodotti dell’azienda di Cupertino. Avendo il controllo su tutto, Apple può garantire che le app e altri software per iPhone e iPad siano sicuri e funzionino come previsto.

Durante un’intervista, a Mark Zuckerberg è stato chiesto se considera l’App Store un monopolio che merita di di affrontare varie indagini da parte dei governi.

Il CEO di Facebook si è rifiutato di rispondere direttamente alla domanda, ma ha affermato che “merita un controllo”.

Penso che probabilmente circa il 50% degli americani possiede smartphone e che ci siano più di un miliardo di dispositivi Apple”, ha detto Zuckerberg in un’intervista con Axios.

“Penso che alcuni comportamenti sollevano certamente delle domande. E credo che sia qualcosa che merita di essere esaminato”.

Successivamente, Zuckerberg ha messo a confronto l’App Store con il Google Play Store e ha elogiato Google per aver consentito app sideloaded o app scaricate da app store alternativi.

“Come sviluppatore, se non sei nel Google Play Store, almeno hai ancora un modo per portare la tua app sui dispositivi degli utenti”, ha detto Zuckerberg. “Penso che questo sia molto importante, gli sviluppatori hanno l’opportunità di creare un’app e farla arrivare sui dispositivi degli utenti tramite store non ufficiali, anche se questa non viene accettata sul Google Play Store”.

Tuttavia, il CEO di Facebook non ha specificato se il governo debba indagare sulle politiche dell’App Store ma ha dichiarato:

“Penso di non essere la persona che deve rispondere a questa domanda”.

Cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button