PUBBLICITÀ
MacBook Pro

Ecco un confronto tra il MacBook Pro M1 da 8GB e il MacBook Pro M1 da 16GB [Video]

Max Tech ha eseguito un confronto tra il nuovo MacBook Pro M1 con 8GB di RAM e il MacBook Pro M1 con 16GB di RAM.

Tutti i modelli M1 Mac utilizzano lo stesso chip M1, quindi le opzioni di aggiornamento sono limitate allo spazio di archiviazione SSD e alla RAM.

Non abbiamo visto molti confronti che dimostrino la differenza tra una macchina con 8 GB e una con 16 GB di RAM, ma Max Tech ha condiviso un video che evidenzia le differenze tra un MacBook Pro con 8 GB e un MacBook Pro con 16 GB di RAM.

Il video include una serie di test di benchmark, che vanno da Geekbench e Cinebench ai test di esportazione RAW. Dai test benchmark di Geekbench e Cinebench non sono emerse grandi differenze in termini di prestazioni tra le due macchine, ma altri test progettati per massimizzare l’utilizzo della RAM hanno mostrato alcune differenze.

Nel benchmark Max Tech Xcode che imita il codice di compilazione, il modello con 16 GB di RAM ha ottenuto un punteggio di 122 rispetto ai 136 ottenuti dal modello da 8 GB, con il punteggio inferiore migliore.

La differenza più grande è stata riscontrata in un’esportazione da 8K R3D a 4K, con il modello da 8GB che ha impiegato 13,57 secondi per completare l’esportazione, mentre il MacBook Pro da 16GB soltanto 5,59 secondi, lo stesso tempo registrato dal MacBook Pro da 16 pollici i9 con 32GB di RAM.

Piccole differenze sono state riscontrate anche in un test di esportazione 4K e in un test di esportazione RAW da Lightroom Classic, ma i risultati sono stati abbastanza simili.

Sembrano esserci alcune piccole differenze di prestazioni, specialmente con attività ad alta intensità di sistema, ma nell’uso quotidiano, il modello da 8 GB si comporta davvero bene e la maggior parte degli utenti potrebbe non aver bisogno di 16GB di RAM.

Date un’occhiata al video completo:

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button