Notizie

Le etichette sulla privacy di Apple sono ora disponibili sul sito web ufficiale dell’azienda

Come parte degli sforzi per essere più trasparente sulla privacy sui suoi dispositivi e sistemi operativi, Apple ha lanciato una nuova pagina web sul suo sito web ufficiale che mostra le etichette sulla privacy per tutte le sue app.

Apple ha aggiornato oggi il suo sito Web sulla privacy con una nuova sezione “Etichette” nella quale riunisce le etichette sulla privacy di tutte le sue app, rendendo più facile per gli utenti apprendere come le app Apple gestiscono i dati personali degli utenti.

PUBBLICITÀ

La società ha già fornito etichette sulla privacy per le sue app da quando la funzione è stata lanciata lo scorso anno, ma su singole pagine di supporto, quindi questa nuova sezione rende più facile visualizzare le etichette in un unico posto e in ordine alfabetico. Le etichette sulla privacy sono disponibili per le app di Apple su iOS, iPadOS, macOS, watchOS e tvOS, quindi alcune app, come ad esempio GarageBand, vengono visualizzate in più sezioni. Apple ha anche incluso etichette per strumenti di sviluppo come Xcode e persino lo stesso App Store, fornendo un livello molto completo di informazioni sulla privacy.

Inoltre, il colosso di Cupertino sottolinea che gli utenti non troveranno alcun dato in “Dati utilizzati per rintracciarti” per le sue app, poiché non tiene traccia degli utenti. Apple afferma di mantenere uno standard più elevato rispetto a tutti gli altri sviluppatori, a cui sarà consentito monitorare gli utenti se ottengono la loro autorizzazione tramite il framework App Tracking Transparency che verrà applicato a partire da iOS 14.5.

Apple ha introdotto le etichette sulla privacy su App Store a dicembre, fornendo agli utenti un’ampia panoramica dei tipi di dati che un’app può raccogliere e se le informazioni vengono utilizzate per tracciarle o sono collegate alla loro identità o dispositivo.

La società ha richiesto agli sviluppatori di compilare le etichette sulla privacy quando inviano nuove app e aggiornamenti delle app all’App Store dall’inizio di dicembre. Apple ha affermato in precedenza che “conduce controlli di routine e continui delle informazioni fornite” e lavora con gli sviluppatori per correggere eventuali inesattezze, aggiungendo che le app che non sono conformi potrebbero alla fine essere rimosse dall’App Store.

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button