AirPods

Le AirPods Max venderanno meno del previsto: estetica perfetta ma prezzo troppo alto?

Il design delle AirPods Max è davvero molto bello e curato, pur rimanendo semplice ed essenziale ma basta questo aspetto a garantirne il successo? Secondo l'analista Kuo le vendite saranno più basse del previsto perchè le "funzioni speciali" di Apple non sono più così esclusive

Ming-Chi Kuo torna a parlare. Questa volta non si tratta di leak sui prossimi prodotti Apple ma di un’analisi relativa alle AirPods Max.

Secondo l’analista, Apple le vendite andranno a rilento nel 2021 con circa 1 milione di unità. Le stime sono al ribasso rispetto alle previsioni precedenti e le ragioni sono semplici:

Il successo clamoroso del primo modello di AirPods stava nella semplicità d’uso. Nel modo in cui bastava semplicemente aprire la custodia per collegare le cuffie all’iPhone automaticamente. Quando sono state introdotte le AirPods, l’intera industria delle cuffie era molto indietro in questo settore e le modalità di collegamento erano pessime. Oggi la situazione è diversa: innanzitutto ci sono svariati modelli di AirPods disponibili, ed altre stanno per arrivare quindi gli utenti aspetteranno i nuovi prodotti prima di scegliere cosa acquistare. In secondo luogo esistono le cuffie Beats, sempre di Apple, che offrono le stesse modalità di collegamento ed anche design over-ear come le AirPods Max ma ad un prezzo molto più contenuto. Infine, la concorrenza è migliorata moltissimo ed oggi le cuffie di terze parti offrono un’esperienza di pairing e di utilizzo simile a quella Apple.

A parità di qualità audio, le cuffie di terze parti hanno un prezzo molto inferiore alle AirPods Max e per tutte queste ragioni, almeno in questo periodo, i consumatori non sono disposti a spendere 630€ per un paio di cuffie over-ear.

L’estetica di queste cuffie è probabilmente l’unico vero punto di forza ma non tale da giustificarne il prezzo. Voi cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button