iOS 15iPhone

iOS 15: ecco tutte le funzionalità non supportate su iPhone X e modelli precedenti

L'atteso major update è finalmente arrivato, ma qualcuno resterà deluso dall'elenco delle novità pur avendo tra le mani un dispositivo compatibile.

Apple ha rilasciato la versione finale di iOS 15, aggiornamento che può essere installato su iPhone 6s (smartphone del 2015!) e modelli successivi. Ma è garantita la stessa esperienza su tutti i dispositivi? No, certo che no.

PUBBLICITÀ

Il gigante di Cupertino garantisce aggiornamenti per molti più anni rispetto alla concorrenza, tuttavia, per una questione relativa agli hardware dei singoli smartphone, non è possibile estendere il supporto di alcune funzionalità a tutti gli iPhone che ricevono l’update.

Dunque, ecco tutte le feature che iPhone X e generazioni precedenti NON supportano pur potendo eseguire iOS 15:

  • Modalità ritratto nelle videochiamate FaceTime
  • Audio Spaziale in FaceTime
  • Modalità Isolamento Vocale in FaceTime
  • Modalità Ampio Spettro in FaceTime
  • Globo 3D interattivo nell’app di sistema Mappe
  • Indicazioni immersive step-by-step in realtà aumentata nell’app Mappe
  • Mappe più dettagliate di alcune città come San Francisco, New York e Londra nell’app Mappe
  • Modalità Testo Attivo per riconoscere il testo nelle immagini
  • Riconoscimento vocale on-device per le richieste a Siri
  • Richieste offline a Siri
  • Possibilità di effettuare swipe verso l’alto (zoom in) o il basso (zoom out) in modalità QuickTake, ovvero quella per registrare un video mentre si scatta una foto
  • Possibilità di aggiungere le chiavi elettroniche (hotel, auto, casa) all’applicazione di sistema Wallet
  • Dettatura vocale on-device della tastiera completamente offline
  • Dettatura vocale continua della tastiera, dunque senza il limite dei 60 secondi per volta
  • Nuove animazioni in background nell’applicazione di sistema Meteo

Quelle sopra elencate sono novità che, stando a quanto comunicato da Apple nel documento di supporto, richiedono il processore A12 Bionic per funzionare. Il primo smartphone dell’azienda di Cupertino ad utilizzare questo chip è iPhone XS, lanciato sul mercato nel 2018.

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button