Notizie

iOS 15: Carta di identità in Wallet, ecco le condizioni di Apple

iOS 15 presto consentirà di aggiungere la carta di identità nell'applicazione Wallet. Ecco le condizioni dettate da Apple per gli stati che vogliono aderire al programma.

Alla WWDC21, Apple ha annunciato i suoi piani per aggiungere la carta d’identità nell’applicazione Wallet. Nuovi documenti ottenuti da CNBC offrono maggiori dettagli sugli accordi tra il colosso di Cupertino e gli stati in cui sarà disponibile questa funzione.

PUBBLICITÀ

L’accordo tra Apple e gli stati prevede che il produttore di iPhone avrà un alto grado di controllo sulle agenzie governative responsabili del rilascio delle carte d’identità, che verrà inizialmente lanciato in una manciata di stati, tra cui Arizona, Connecticut, Georgia, Iowa, Kentucky, Maryland, Oklahoma e Utah.

Inoltre, i documenti mostrano che Apple ha “esclusiva discrezione” sull’implementazione della tecnologia alla base della memorizzazione degli ID nel Wallet.

Secondo i documenti, gli Stati devono accettare di “allocare personale e risorse ragionevolmente sufficienti (ad es. personale, gestione del progetto e finanziamenti) per supportare il lancio del Programma in una tempistica che sarà determinata da Apple”. Ciò include l’esecuzione di test di qualità sul funzionamento degli ID digitali “in conformità con i requisiti di certificazione di Apple” su vari dispositivi.

Inoltre, l’accordo delinea che gli Stati devono “mettere in primo piano il Programma in tutte le comunicazioni rivolte al pubblico relative alle credenziali di identità digitale”. Ad Apple deve inoltre essere concessa una “revisione e approvazione preventiva” di tutti i materiali di marketing.

La responsabilità è anche sugli stati quando si tratta di verificare i documenti d’identità:

“Apple non sarà responsabile per i risultati di verifica e l’agenzia riconosce che tutti i risultati di verifica sono forniti COME SONO e senza alcuna garanzia, espressa, implicita o in caso contrario, per quanto riguarda la sua accuratezza o le sue prestazioni”.

I governi e le agenzie statali sono responsabili del finanziamento di tutte le operazioni necessarie, compreso il mantenimento dei sistemi necessari per l’emissione e la manutenzione degli ID digitali, nonché il marketing.

Purtroppo, non sappiamo quando o se il servizio arriverà mai in Italia.

PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button