Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

iP4Play: la videochat erotica che sfrutta il servizio FaceTime di Apple chiude i battenti!
Curiosità

iP4Play: la videochat erotica che sfrutta il servizio FaceTime di Apple chiude i battenti! 

Anche se questa volta la battaglia di Steve ed Apple contro la pornografia su iDevice non c’entra nulla, iP4Play, azienda che forniva “servizi erotici” tramite FaceTime, ha chiuso i battenti non riuscendo più a far quadrare i conti con il servizio offerto.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

L’idea in fondo era buona, quale che sia il vostro giudizio nel merito: un servizio di hotline a pagamento basato sull’uso del servizio di videochiamata lanciato lo scorso anno da Apple. Il problema è che la nicchia di riferimento è troppo ristretta e non permette di gestire gli alti costi di un servizio come quello di iP4Play.

In un intervista a Cult Of Mac, il CEO di iP4Play Travis Falstad spiega che il problema, secondo lui, sta tutto nella ridotta adozione di FaceTime da parte degli utenti, e nella concorrenza delle webcam:

Il problema è la mancata adozione di FaceTime [da parte di un buon numero di utenti] e la concorrenza delle webcam, assieme agli alti costi necessari per mantenere talenti e qualità. Il nostro staff ha dato il meglio ma eravamo un po’ troppo ‘avanti’. Siamo fieri di ciò che siamo riusciti a fare in così poco tempo con una nuova tecnologia.

Nonostante il fallimento, Falstad ritiene che l’idea fosse ottima e se c’è qualcuno che voglia far partire un servizio simile a questo, il CEO di iP4Play consiglia di aspettare che l’adozione di FaceTime aumenti.

La verità, molto più probabilmente, è che non saranno mai davvero tanti i clienti disposti a spendere un sacco di soldi per un peep show su iPhone da condurre attraverso un servizio di video chiamata che nella maggior parte dei casi è impostato per funzionare con la mail principale dell’utente, costringendolo a rinunciare al proprio anonimato.

Via | Cult of Mac

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.