Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Google “strappa” un responsabile ad Apple per un progetto segreto?
Notizie

Google “strappa” un responsabile ad Apple per un progetto segreto? 

Colpo grosso per Google? Sembra proprio di si. Pare che un responsabile anziano sia passato da Apple al suo peggior nemico per lavorare a un progetto top-secret.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Stiamo parlando di Simon Prakash, un veterano che lavora in Apple da 8 anni e che è finora stato “Direttore Anziano per l’Integrità dei Prodotti”. Secondo VentureBeat quest’uomo starebbe lasciando la casa di Cupertino per passare, in un colpo storico (è il dipendente più anziano che Mountain View ha strappato alla Mela), a Google.

La cosa più interessante della faccenda è, tuttavia, il ruolo che Prakash ricoprirà per il suo nuovo datore di lavoro. Le fonti parlano, infatti, di un progetto segreto, che potrebbe essere portato avanti dal co-fondatore di Google Sergey Brin. Quest’ultimo, tra l’altro, non sembra nuovo ad attività di questo genere, essendo opinione diffusa che sia a capo di svariati progetti di ricerca top secret nonché dell’ormai noto “laboratorio X”.

Il passaggio di mano del dipendente, anche se importante, non deve comunque troppo stupire: i più attenti ricorderanno come, già in passato, si verificarono eventi di questo tipo. La situazione era diventata tanto grave che Steve Jobs in persona inviò una email all’allora CEO di Google Eric Schimdt chiedendo a BigG di smettere di cercare attivamente nuove teste tra le file di Apple. Jobs scrisse “Sarei molto soddisfatto se il vostro dipartimento del personale la smettesse”, e Schmidt agì immediatamente, allontanando uno degli impiegati coinvolti nella faccenda.

Nel 2009, poi, sembra che le due avessero siglato un accordo non scritto affinché non si “rubassero” i dipendenti a vicenda, accordo che fece scattare le indagini del Dipartimento di Giustizia per pratiche anti-concorrenziali. Alla fine fu raggiunto un compromesso, con l’ordine per le due di non stipulare altri accordi simili per cinque anni.

E voi che ne dite, cosa combinerà Google con la mente appena sottratta?

Via | AppleInsider

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.