Apple ha recentemente chiesto ad un giudice il permesso di citare in giudizio Kodak, la famosa azienda fotografica. La società californiana ha accusato l’azienda con sede a Rochester, per la presunta violazione di un brevetto. La società di Cupertino ha bisogno di un permesso speciale per procedere con la citazione in giudizio, poichè Kodak è recentemente fallita.

In un documento presentato questa settimana alla US Bankruptcy Court di New York, Apple ha chiesto a un giudice fallimentare di poter accusare Kodak di aver utilizzato dei brevetti relativi a stampanti, fotocamere e cornici digitali.

Dalla rete giunge notizia che la società californiana abbia intenzione di presentare due cause, una con la US International Trade Commission, e un’altra con la US District Court di Manhattan. Gli avvocati Apple hanno chiesto al giudice fallimentare di approvare la richiesta di Apple, in quanto il diritto fallimentare non impedisce l’accusa di infrazione di brevetti.

Le controversie tra le due aziende sono incominciate nel gennaio del 2010, quando Kodak citò in giudizio Apple e il suo iPhone, accusando l’azienda di violare un brevetto relativo alle anteprime delle immagini. Apple, tuttavia, suppone di essere il vero proprietario del brevetto, in quanto fu co-sviluppata una fotocamera digitale nei primi anni del 1990 insieme a Kodak.

Successivamente la società di Cupertino controbattè Kodak, accusando una gamma di prodotti del produttore di fotocamere, di violare due brevetti della azienda produttrice degli iPhone. Apple ha anche ottenuto una prima vittoria contro Kodak lo scorso giugno, quando l’ITC ha dato ragione alla società californiana.

Via | AppleInsider