Notizie

Anche UBS e Oppenheimer alzano il target price di Apple

Riportiamo oggi una notizia che non stupisce, visto il momento d’oro per Apple, ma che resta importante: in seguito al lancio del Nuovo iPad, anche la banca svizzera UBS e la società di analisi finanziaria Oppenheimer hanno alzato il loro target price per le azioni della Mela.

In particolare, l’analista Ittai Kidron di Oppenheimer & Co. ha ritoccato la sua precedente previsione di 570$ portandola a 700$. Secondo la sua visione, il lancio del Nuovo iPad sarebbe “molto forte“, con i dati di vendita di iPhone 4S solidamente positivi. In aggiunta a queste considerazioni, molto peso è stato dato alle prospettive di espansione della società in paesi come la Cina, nonché alla possibilità che la richiesta per iPad superi l’offerta.

Per quanto riguarda UBS, invece, Maynard Um ha alzato il target da 550$ a 675$. La scelta viene motivata con la possibile presenza di un maggior numero di operatori ad offrire l’iPhone di nuova generazione al lancio, lancio che – secondo l’analista – sarà il “più grande nella storia di Apple“.

Altro punto a favore della società di Cupertino la possibilità, per ora solo paventata, di una fatturazione dei costi telefonici e del traffico internet mobile basata su di un singolo conto e non, come avviene oggi, sul dispositivo. In questo modo, più dispositivi potrebbero condividere lo stesso abbonamento 4G attraverso una gestione unificata dei costi. Parlando di cifre, Um stima un ricavato per l’anno fiscale 2013 di 180 miliardi di dollari e un EPS (Earnings Per Share) di 50,43 dollari.

Queste valutazioni al rialzo si aggiungono a quelle dei giorni passati, con Morgan Stanley e Canaccord Genuity che fissano un target oltre i 700$.

Via | MacNN

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!