Notizie

Greenpeace rimprovera Apple: iCloud va a carbone!

Un nuovo report di Greenpeace accusa Apple di non impegnarsi abbastanza nell’utilizzare fonti rinnovabili di energia per alimentare i suoi servizi cloud.

Il documento rilasciato dall’organizzazione ambientalista si intitola “How Clean is Your Cloud?“, ovvero “Quanto è pulita la tua nuvola?“, e lamenta che iCloud sia alimentato sostanzialmente con del carbone. Insieme alla Mela, Amazon e Microsoft sono state inserite nella non lusinghevole lista di chi “fa affidamento su energie non-rinnovabili per alimentare i propri cloud“.

“Apple ha l’inventiva, il contante sottomano e lo spirito innovativo per pensarla differentemente [in inglese Think Different, ndr] e migliorare sostanzialmente il tipo ti energia che dà sostentamento alla sua nuvola.”

Delle quattro categorie del rapporto, Apple è stata valutata negativamente in tutte: D per la trasparenza, F per dove sono le infrastrutture, D per l’efficienza energetica e D per gli investimenti sulle rinnovabili (lo schema di voto segue il sistema statunitense, che va da A ad F).

L’organizzazione ha anche parlato dell’impianto solare da 20 Megawatt che aprirà in North Carolina: “anche se il più è stato costruito“, fornirà solo il 10% del fabbisogno energetico del data center. Comunque, dice Greenpeace, è “un buon primo passo“.

Apple, da parte sua, ha peggiorato la posizione relativa alla trasparenza rispetto ad un anno fa: ebbe una C, ma stavolta sembra che la Mela fornisca solo “i pezzetti di dettagli e dati che le sembrano migliori“, rifiutando di consegnare quelli meno entusiasmanti.

Via | AppleInsider

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!