Notizie

I furti di iPhone e iPad a New York sono cresciuti del 44% rispetto allo scorso anno

Sembra che la criminalità a New York City ruoti intorno ad iPhone ed iPad. Infatti alcuni dati recenti del New York Police Department evidenziano che i furti di questi due dispositivi sono aumentati del 44% rispetto allo scorso anno.

A partire da inizio anno, fino al 15 aprile, ci sono stati ben 1.196 furti al NYPD, contro gli 831 dello scorso anno (calcolati sempre nella stessa fascia di tempo). Una fonte della polizia ha dichiarato che “portare in giro un iPhone è l’equivalente di tenere centinaia di dollari in mano“. Queste statistiche sono emerse da poco, dopo che lo chef di 26 anni, Hwang Yang è stato assassinato per il suo iPhone. Mentre il suo iPhone è stato rubato dal rapinatore, il portafogli di Yang non è stato nemmeno toccato.

A New York il commissario di polizia Raymond Kelly e il senatore della stato, Chuck Schumer, la scorsa settimana hanno annunciato un piano per creare un database condiviso di numeri di serie IMEI dei telefoni cellulari rubati. Questo piano, che ha il sostegno degli operatori principali, potrebbe contribuire a scoraggiare il furto di smartphone, poichè sarebbero facilmente rintracciabili.

La morale della storia è che i rapinatori sono pronti a tutto per rubare tali dispositivi, il che preoccupa moltissimo i cittadini, che chiedono a gran voce molta più sicurezza. Creare questo database non risolverà di certo il problema ma quantomeno è un piccolo passo verso una maggiore sicurezza.

Via | iMore

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!