Foxconn non è attiva solo nella sua madrepatria, bensì ha aperto stabilimenti produttivi anche nell’emergente Brasile. Proprio da uno di questi – nel quale si assemblano iPhone 4S e iPad 2 – giunge la voce tonante degli operai, che minacciano di scioperare contro le cattive condizioni di lavoro.

La notizia giunge dalla testata locale Jornal de Jundiai, che riporta come 2500 lavoratori impiegati nello stabilimento di Jundiai, in Brasile, siano pronti a scioperare se le loro richieste non dovessero essere soddisfatte dal datore di lavoro entro il 3 maggio prossimo.

In particolare, i problemi riguarderebbero le provviste d’acqua, di cibo e i mezzi di trasporto per arrivare in fabbrica, ritenuti inadeguati dagli operai. Per questo motivo il sindacato metalmeccanico della zona ha dato un ultimatum di 10 giorni, a partire da lunedì appena passato, a Foxconn.

Secondo il racconto del Jornal de Jundiai, un portavoce del sindacato ha dichiarato che la mancanza d’acqua e la scarsa qualità del cibo sono un problema per i dipendenti. Data la crescita dei lavoratori impegnati nello stabilimento produttivo, gli operai lamentano inoltre come le infrastrutture per il trasporto degli stessi siano  rimaste le stesse, causando sovraffollamento all’interno degli autobus.

Foxconn ha rifiutato di commentare l’accaduto.

Via | Evertiq