Molte volte Steve Wozniak, co-fondatore di Apple, esterna dichiarazioni critiche nei confronti della società della mela e l’ultima, in ordine cronologico, riguarda l’assistente vocale Siri che, secondo il parere di Steve, funzionava in modo molto più efficiente prima che la società di Cupertino l’acquistasse.

Wozniak non sembra essere entusiasta dell’attuale Siri. Secondo il suo punto di vista, l’assistente digiatle era più funzionale quando era ancora gestito dalla società omonima, acquisita da Apple la quale ha successivamente inserito nativamente la funzione su iPhone 4S. In particolare Siri è stata accusata di essere una funzione troppo limitata sin dalla sua uscita nel mese di ottobre dello scorso anno, e Apple ha annunciato la sua intenzione di correggere questo limite con iOS 6Qualche miglioramento infatti si è visto, tralasciando l’aggiunta dell’italiano e il supporto per iPad. Ciò non toglie che sia ancora un progetto in fase “beta”. Ecco le dichiarazioni di Woz:

Il co-fondatore di Apple sembra ribadire che il lavoro fatto da Apple su Siri abbia reso l’assistente digitale meno intelligente, e dopo che Apple ha comprato Siri, lui stesso ne è rimasto stato deluso. Tuttavia, egli ritiene che tale tecnologia rimarrà la tendenza del momento. Inoltre a Wozniak sembra piacere molto il nuovo MacBook Pro Retina. E’ rimasto molto soddisfatto anche della nuova applicazione PassBook, la quale riunisce tutti i biglietti e coupon, tra i documenti virtuali, qui potete vedere la nostra prova di Passbook.

Via | RedmondPie