Nuovi guai in vista per Apple: secondo una notizia pubblicata da Reuters,  un’università di Taiwan ha presentato un’azione legale per violazione di brevetti riguardo il sistema di riconoscimento vocale usato da Apple.

L’università nazionale Cheng Kung di Taiwan ha dichiarato di aver lanciato un’azione legale verso l’uso che Apple effettua di Siri nei suoi iPhone e nelle prossime versioni di iPad, in quanto infrange due brevetti degli U.S.A. in dotazione all’ateneo dal 2007 e dal 2010, riguardanti tecnologia di “dalla voce al testo”.

La causa è stata presentata nel distretto di corte americana per il distretto est del Texas, divisione Marshall, poiché la corte di quella regione dell’America è, a detta del legale dell’università Yama Chen, più veloce nei processi, tendono a favore dei possessori di brevetti e i risarcimenti sono in genere più alti.

Via | Reuters