Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Samsung sviluppa la tecnologia FinFET a 14nm, per i potentissimi processori mobile di domani
Concorrenza

Samsung sviluppa la tecnologia FinFET a 14nm, per i potentissimi processori mobile di domani 

Samsung oggi ha prodotto il suo primo chip di test dotato della tecnologia FinFET a 14nm. Questo processo produttivo potrebbe offrire una considerevole potenza nei microprocessori dei nostri smartphone di domani, assieme ad un assorbimento energetivo irrisorio.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

original_exynos-4-Quad-core-samsung-galaxy-s3

Samsung è senza alcun dubbio una delle aziende più prolifiche ed in salute di tutto il panorama dell’elettronica di consumo. Inoltre, a differenza di Apple, offre un ventaglio di prodotti sterminato, sia per altre aziende che per i consumatori finali, che spazia da elettrodomestici per la casa fino ad arrivare ai più avanzati microprocessori mobile del momento.

È di pochi giorni fa la notizia che è in corso l’espansione di uno dei suoi stabilimenti in Texas, ad Austin, e da poche ore Samsung ha ufficializzato la costruzione del suo primo chip a 14nm, basato su tecnologia FinFET. Questo dovrebbe associare delle potenze incredibilmente elevate ad un assorbimento energetico particolarmente contenuto.

Il nuovo processo produttivo è stato paragonato al Tri-Gate di Intel (per via della “tridimensionalità” dei transistor), presente sui processori Ivy Bridge, e dovrebbe garantire un sostanziale aumento prestazionale rispetto alle tecnologie esistenti anche in campo mobile. Infatti il primo test è stato condotto in collaborazione con ARM e Synopsis, segnale positivo per chi vorrebbe vedere un processo produttivo così raffinato a 14nm anche sui dispositivi mobile delle prossime generazioni.

Tuttavia riteniamo altamente improbabile che già dal prossimo anno potremo vedere soluzioni di questo tipo sui nostri smartphone. Inoltre, possiamo considerare ancora più improbabile che questa tecnologia possa essere introdotta nei prossimi iPhone, considerando anche il progressivo allontanamento delle due aziende, Apple e Samsung.

Via | Engadget

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.