Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Continua l’impegno di Apple per i diritti dei lavoratori in Cina presso i propri rifornitori
Notizie

Continua l’impegno di Apple per i diritti dei lavoratori in Cina presso i propri rifornitori 

Negli ultimi anni sono state molteplici le critiche verso i colossi multinazionali che sfruttavano la mancanza dei diritti più basilari dei lavoratori in Cina, per produrre ai costi più bassi possibili. Apple sta cercando di cambiare la situazione, o è solo facciata?

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

labor_hero_china

Sono ormai due anni che Apple cerca di tracciare le ore lavorative settimanali dei dipendenti dei propri rifornitori in Cina. Nel 2011 le capacità di controllo della società di Cupertino erano assai limitate, ma la situazione sembra essere cambiata negli ultimi periodi.

La società ha fatto sapere nelle scorse ore di avere raggiunto risultati assolutamente eccezionali in tal senso. Il suo impegno prevede soprattutto un limite prestabilito che si assesta sulle 60 ore settimanali lavorative. Nel rapporto presentato lo scorso anno, il 92% dei rifornitori rispettavano questa clausola, con una media fra tutti i dipendenti di circa 50 ore settimanali.

Quest’anno si è andato anche oltre, con circa il 99% delle fabbriche che hanno osservato i limiti imposti dalla società di Cupertino, come si può leggere all’interno del grafico pubblicato sotto.

work_hour_compliance_graph

Tuttavia, tali regole non sono state rispettate da oltre il 10% dei rifornitori nei mesi da settembre a novembre, periodo in cui sono stati rilasciati iPhone 5 ed iPad mini. In ogni caso, Apple fa notare che in queste circostanze è lo stesso dipendente che deve accettare il surplus di ore settimanali, e non si tratta di coercizione da parte della società.

Via | AppAdvice

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.