Notizie

A New York è guerra per la musica troppo alta degli auricolari

Bloomberg, il sindaco di New York torna alla carica contro la musica troppo alta ascoltata in cuffia o negli auricolari. Non è la prima volta infatti che il sindaco di New York si batte contro questo fenomeno molto diffuso tra i giovani, e le statistiche sono dalla sua parte: il 30% in più dei problemi d’udito solo tra il 1998 ed il 2006.

widescreen-6g-ipod-advert1(1)

Bloomberg torna a parlare di musica troppo alta ed ha intenzione di studiare una nuova campagna informativa rivolta agli adolescenti per cercare di rallentare questo fenomeno ormai dilagante. Varie indagini statistiche hanno affermato infatti che la soglia di sicurezza per il nostro udito è rappresentata degli 85 decibel, superata la quale rischiamo di avere seri problemi. I moderni auricolari però, come ad esempio quelli prodotti da Apple arrivano a produrre ben 115 decibel.

Il sindaco di New York ha quindi deciso di stanziare una cifra pari a $250.000 per una grande campagna informativa via social network, giornali e pubblicità nei principali luoghi pubblici per far capire l’importanza di un utilizzo consapevole di iPhone ed iPod Touch come player musicali.

In passato Bloomberg aveva già dato battaglia al fenomeno, ingaggiando cantanti celebri del calibro di Sting per la sua campagna, quindi anche in questa occasione ci aspettiamo una cosa simile.

Al momento non si prevedono sanzioni per chi ascolta musica ad alto volume, ma in futuro non si sa mai: stiamo pur sempre parlando di New York, della tassa sulle bevande dolci, sul cibo spazzatura o sul fumo.

Via | Panorama

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!