Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Non fate richieste imbarazzanti a Siri, Apple salva tutte le ricerche per due anni!
Curiosità

Non fate richieste imbarazzanti a Siri, Apple salva tutte le ricerche per due anni! 

Le richieste di Siri occupano dai 18KB ai 60KB per singola richiesta, in base alla complessità. Queste sono tutte immagazzinate nei server di Apple, e lì ci restano per due anni. Attenti quindi a fare richieste strane, perché è tutto salvato!

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

siri-in-italiano1-638x425

Tracy Muller ha dichiarato in un’intervista a Wired che i file audio delle ricerche compiute tramite Siri, l’assistente vocale dei dispositivi iOS, vengono salvati all’interno dei server Apple e tenuti per un periodo di tempo lungo due anni. Come sappiamo, Siri ha bisogno della connessione ad internet per mandare la voce della nostra richiesta affinché i server di Apple possano capirla, gestirla e mandarci una risposta nel minor tempo possibile.

“Ogni volta che parliamo a Siri, la nostra voce viene mandata ai server di Apple per essere analizzata. Apple genera un codice casuale che rappresenta ogni singolo utente ed associa i file vocali a quel codice”, ha affermato Muller durante l’intervista. “Il codice – che non ha niente a che vedere con il vostro nome utente o indirizzo e-mail – vi rappresenta individualmente e Siri vi riconosce tramite quello.”

Dopo sei mesi il sistema toglierà ogni tipo di associazione numerica ai file vocali, cancellando il codice dagli stessi. Questi però restano – in forma del tutto anonima – nei server per altri 18 mesi per permettere ulteriori miglioramenti al servizio in generale.

Muller conclude l’intervista ricordando che per Apple l’anonimato e la privacy dei propri utenti viene prima di ogni altro aspetto della società di Cupertino. Nonostante ciò gli organi competenti americani vogliono introdurre una clausola all’interno della pagina delle FAQ di Siri, in modo che tutti gli utenti sappiano i modi in cui vengono gestiti i file vocali mandati nei server di Apple.

Insomma, le prossime volte che farete richieste oscene o esplicite, sappiate che qualcuno potrebbe sentirle e farsi una grassa risata alle nostre spalle, anche se del tutto in forma anonima!

Via | iPhoneHacks

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.