Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple non è più la società più rispettata d’America nel 2013
Notizie

Apple non è più la società più rispettata d’America nel 2013 

Per tre anni consecutivi Apple è stata in cima nelle classifiche di Barron’s, che indicizzava le più influenti ed apprezzate compagnie multinazionali americane. La società di Cupertino ha perso ben due posizioni nel corso del 2013 sopravanzata da Berkshire Hathaway e Walt Disney.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

shutterstock_107851007_7

Apple non è più la società americana più apprezzata secondo le classifiche di Barron’s, di cui la società di Cupertino ne occupava le prime posizioni per ben tre anni consecutivi. Nel 2013, al primo posto troviamo Berkshire Hathaway di Warren Buffet, una holding che si occupa di servizi finanziari ed assicurazioni che lo scorso anno occupava la dodicesima posizione.

Al secondo posto c’è Walt Disney, mentre Apple raggiunge solamente l’ultimo gradino del podio, seguita da Google ed Amazon. Samsung occupa la diciottesima posizione, Intel la ventesima e Microsoft la sessantunesima. Apple non è l’unica a perdere posizioni in classifica: McDonald’s è scesa sino all’ottava posizione dal terzo posto che occupava nel 2012, mentre IBM dal secondo è arrivata al decimo posto.

Il motivo per cui Berkshire Hathaway è balzata in testa scalzando Apple è da ricondurre probabilmente al valore in borsa delle due società: la prima ha maturato un +25% rispetto all’anno scorso, mentre la situazione di Apple è sempre più altalenante, con una caduta che ormai perdura da oltre sei mesi.

Via | TUAW

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.