Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Concorrenza

Samsung Galaxy Gear è una delusione: i clienti lo restituiscono subito dopo averlo acquistato

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Galaxy Gear è forse uno dei primi smartwatch realizzato da una grande azienda quale è Samsung ed è probabilmente per questa ragione che il prodotto è stato atteso così tanto. Dopo l’attesa e l’entusiasmo iniziale però, tutto è finito: secondo le statistiche infatti, un cliente su tre ha restituito il Galaxy Gear da poco acquistato.

Galaxy-Gear-006-Set1-Front_Six-530x956

Galaxy Gear è stato pubblicizzato enormemente da Samsung e le aspettative da parte degli utenti erano davvero molto alte, considerando che stiamo parlando di uno dei primi smartwatch in commercio realizzato direttamente da un produttore di smartphone.

Le aspettative sono però crollate una volta che il prodotto è stato acquistato. Sia chiaro, non stiamo parlando di malfunzionamenti o difetti di fabbrica, ma piuttosto della scomodità e della poca praticità del prodotto: il Galaxy Gear è infatti compatibile solo con il Galaxy Note 3, e sebbene in futuro sarà compatibile anche con altri dispositivi, al momento c’è un nulla di fatto. Non si sa quali saranno compatibili, quando lo saranno e quali funzionalità potranno vantare. Inoltre, le applicazioni e le funzionalità sembrerebbero scarseggiare.

Dai dati forniti da Best Buy, la più grande catena di negozi americana, è emerso che circa il 30% degli acquirenti del Samsung Galaxy Gear riconsegna l’acquisto dopo alcuni giorni ritenendosi insoddisfatto. Probabilmente si tratta di clienti che si sono lasciati trasportare dall’euforia del prodotto senza conoscerne le reali caratteristiche e possibilità.

Per Samsung si tratta però di un brutto colpo e date le grandi mancanze del dispositivo tutto fa pensare che il prodotto sia stato realizzato con una certa fretta per poter essere immesso nel mercato il più velocemente possibile, magari proprio prima che Apple riuscisse a rilasciare il tanto discusso iWatch.

Via | Wired

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.