Notizie

A rischio tutti gli abbonamenti freeware di Spotify e portali simili

Uno dei metodi che gli utenti contemporanei hanno di usufruire della loro musica preferita è attraverso portali di streaming come Spotify, Rdio e simili. Sono moltissimi gli abbonamenti liberi che non sottoscrivono una quota di iscrizione ai suddetti portali, per loro una cattiva notizia inizia ad emergere nel web: pare che ci sia la possibilità che i servizi di streaming vengano relegati ai soli abbonamenti premium.

spotify

E’ da un po’ in realtà che le case discografiche hanno dimostrato un comportamento ostico nei confronti dei numerosi utenti free che sfruttano portali come Spotify per ascoltare un numero pressoché illimitato di brani musicali, anche se con alcune restrizioni.

La pressione effettuata pare raggiungere livelli tali che molte case stanno richiedendo l’uso esclusivo di questi servizi ad utenti a pagamento. Mettendoci nei panni delle case discografiche la richeista appare più che plausibile, se è possibile usufruire di tutta la musica del mondo in modo gratuito, con la pecca di dover ascoltare qualche pubblicità di tanto in tanto, perché acquistare un CD a pagamento o peggio ancora acquistare musica online?

Via | BGR

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!