Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Consumer Reports: “il Chipgate non esiste”, i test lo dimostrano
iPhone

Consumer Reports: “il Chipgate non esiste”, i test lo dimostrano 

Nonostante i chip diversi, i modelli di iPhone 6s testati dal team di ConsumerReports, non hanno mostrato differenze significative per quanto riguarda la durata della batteria o la temperatura dei dispositivi.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

a9-750x389

Nei giorni scorsi si è parlato molto sul web di una presunta problematica legata ai nuovi iPhone 6S. Secondo tali rapporti, la durata della batteria su modelli di iPhone 6s, con una unità centrale di elaborazione A9 realizzata da Samsung, risulterebbe peggiore rispetto a quella dei modelli con una CPU realizzata da TSMC. Sempre secondo queste voci gli smartphone con chip Samsung si surriscalderebbero, cosa che invece non pare accada nell’altro caso.

I test di Consumer Reports svolti, avevano confermato la questione riguardante la durata della batteria sui 6s e 6s Plus concordando che era minore rispetto al modello precedente. ma si erano limitati a questo, non prendendo in considerazione le altre presunte problematiche. Gli ingegneri di ConsumerReports hanno recentemente sviluppato un protocollo speciale per testare questo problema. Il test in questione, a differenza di quelli utilizzati da altre organizzazioni, simula l’uso reale del device piuttosto che basarsi su limitati parametri di riferimento attraverso stress test non indifferenti.

chipgate

Ma analizziamo il procedimento con il quale i tecnici hanno effettuato il test:

Per prima cosa hanno determinato la presenza del chip sui modelli di iPhone6 s acquistati sfruttando semplicemente un’applicazione scaricabile dall’Apple Store, Lirum Info Lite, che ha palesato la presenza dei diversi chip. Successivamente, per evitare differenze di network che avrebbero potuto comportare una diversa durata della batteria, hanno scelto di utilizzare lo stesso opesatore (T-Mobile), garantendo così una maggiore precisione.

Continuando il minuzioso lavoro, hanno impostato il medesimo set-up per tutti i dispositivi analizzati (impostazioni generali, connessioni, display, applicazioni, ecc). In seguito, in un camera di isolamento, hanno avviato i test per misurare la durata della batteria con un’attività continua sulla rete cellulare.

Il risultato dei test smentisce le voci. Tra i modelli che possiedono il chip Samsung e quelli con chip TSMC vi è una differenza nella durata della batteria trascurabile, inferiore al 2%.

Via

 

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.