MacmacOSNotizie

Il primo ‘ransomware’ arriva su Mac tramite un popolare client BitTorrent

Nel fine settimana, è apparso un importante avviso su Transmissionbt.com per far noto agli utenti che la versione 2.90 del loro popolare client BitTorrent per Mac potrebbe essere stato infettato da un malware.

ransomware

Ecco quanto si legge nell’avviso: «Tutti coloro che utilizzano la versione 2.90 su OS X dovrebbero scaricare immediatamente la versione 2.91 o cancellare la propria copia della 2.90, perché potrebbero aver scaricato un file infetto da malware.

Usando lo strumento “Activity Monitor” preinstallato su OS X, controllare se sono in esecuzione processi chiamati “kernel_service”. Se è così, selezionare il processo e scegliere la voce “Open Files and Ports” e verificare se vi è un file con un nome tipo “/Users//Library/kernel_service”. Se è così, si tratta del main process di KeRanger. Suggeriamo di chiuderlo con “Quit -> Force Quit”».

Reuters riporta che il file infetto contiene il primo “ransomware” per Mac. Si tratta di un particolare tipo di malware che cripta il disco rigido degli utenti e richiede successivamente un pagamento per decriptarlo. Questo tipo di attacco è sempre più frequente su PC Windows, ma è la prima volta che si vede su Mac. Secondo Reuters, Apple è a conoscenza del problema e ha già revocato un certificato digitale che permetteva l’installazione del software infetto sui Mac.

Transmissionbt.com ha comunicato che la versione 2.92 del software rimuoverà definitivamente il malware (qui trovate maggiori dettagli).

Via | MacRumors

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!