Notizie

Ecco come Apple potrebbe obbligare l’FBI a spiegare l’hack dell’iPhone 5c incriminato

Lo scontro tra Apple ed FBI è giunto al termine, dopo che l’ente investigativo ha ‘hackerato’ l’iPhone 5c incriminato con l’aiuto di una società esterna, ma il dibattito sulla crittografia non è ancora finito. Infatti, l’FBI non ha per il momento ancora comunicato la vulnerabilità sfruttata per l’operazione, ma il colosso di Cupertino potrebbe ottenere questa importantissima informazione forzando il DOJ utilizzando altri casi legali di simile argomento.

applefbi

Tutto potrebbe dipendere dalla causa contro Apple del Dipartimento di Giustizia nella città New York. Questa è al momento sospesa, ma gli inquirenti potrebbero decidere di utilizzare lo stesso metodo applicato per l’iPhone 5c per sbloccare un iPhone ‘protagonista’ del caso di droga.

Di conseguenza, le situazioni sarebbero due: se il metodo dovesse funzionare, non cambierebbe praticamente nulla, ma in caso contrario, quindi se il metodo dovesse fallire, Apple potrebbe chiedere le prove sul perché il metodo del caso ‘San Bernardino’ non sia stato utilizzato anche in questo procedimento. Ed è così che la società di Cupertino potrebbe ottenere le informazioni richieste, fondamentali per migliorare la sicurezza dei suoi dispositivi.

In realtà, il Bureau potrebbe avere difficoltà a mantenere il ‘segreto’. Infatti, sono già diversi gli enti statunitensi che sono alla ricerca di un metodo per sbloccare iPhone sequestrati e potenzialmente utili in indagini penali.

Via | BGR

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!