iPhone

iPhone SE: Ecco il bend test, il drop test ed altro ancora. Quanto resisterà? [Video]

SquareTrade ha sottoposto il nuovo iPhone SE ad alcuni stress test con apparecchiature professionali. Da questo video possiamo concludere che il nuovo arrivato in casa Apple è meno resistente dell’iPhone 6S ma scendiamo nei particolari.

iphone se bend test

Immergendo gli iPhone in un cilindro contenente dell’acqua ad una determinata pressione, l’audio dell’iPhone SE ha smesso di funzionare immediatamente, spegnendosi poi in circa 1 minuto. L’iPhone 6S invece ha subito i primi danni all’audio dopo 10 minuti, spegnendosi poco dopo.

Il secondo test vede i due dispositivi all’interno di una scatola rotante. Dopo 30 secondi l’iPhone SE riporta alcuni graffi sulla scocca mentre l’iPhone 6S appare completamente privo di ammaccature e graffi. L’iPhone 6S Plus invece si danneggia sul vetro del display.

Il terzo test è “il drop test”, ovvero quello delle cadute. L’iPhone SE si danneggia dopo la quinta caduta e dopo la decima si apre su un lato. L’iPhone 6s e 6s Plus invece, dopo 10 cadute riportano soltanto dei graffi sulla scocca.

Infine si arriva al “bend test”, per testare il livello di pressione massimo che si può esercitare prima che l’iPhone si pieghi. L’iPhone SE offre risultati “catastrofici” rispetto al 6s che ricordiamo essere costituito da un corpo creato con una lega di alluminio più resistente.

Il punteggio totale come grado di rottura ottenuto dall’iPhone SE è di 5,5, più alto dell’iPhone 6S che ha ottenuto soltanto un 4, ma più basso dell’iPhone 6S Plus che a causa delle sue dimensioni può rompersi più facilmente con un fattore di rischio da ben 6,5 punti.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!