iPhoneNotizie

Samsung ed altre società vogliono impedire ad Apple di vendere iPhone usati in India

A distanza di un mese dalla richiesta di Apple al governo indiano di poter vendere iPhone usati sul territorio, le società concorrenti come Samsung e i fornitori telefonici locali stanno ora dimostrando il loro dissenso giocando la carta delle possibili conseguenze sull’ambiente, riporta Bloomberg. Il neonato Mobile and Communications Council ha consegnato una lettera d’opposizione al governo. Fanno parte di questo gruppo brand come Micromax, Intex e Samsung.

iSpazioIndiaApple

Mentre gran parte della discussione ruota attorno ai potenziali danni ambientali causati da un uso improprio di prodotti elettronici obsoleti e smartphone usati, alcune persone affermano che consentire alla società di Cupertino la vendita di dispositivi di seconda mano danneggerà l’economica locale, perché gli indiani potrebbero scegliere Apple per il suo valore ‘snob‘. Vendere iPhone usati potrebbe permettere ai clienti di acquistare a prezzi contenuti l’iconico smartphone.

In quanto a tattiche commerciali in India, Apple ha intenzione di rimuovere dal mercato iPhone 4s e 5c e di tagliare del 50% il prezzo del modello 5s.

La società di Cupertino detiene una minuscola quota del mercato indiano, circa il 2%. Con un popolazione di 1,25 miliardi di persone, quello indiano è il terzo mercato al mondo per smartphone ed è, in questo settore, quello con la crescita più rapida. Questi numeri spiegano la politica commerciale che Apple ha intenzione di applicare sul territorio.

Via | iDownloadBlog

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!