Notizie

Una batteria che si ricarica in pochi secondi e dura una settimana: dalla Florida arriva il primo prototipo

Uno dei più grossi limiti di tutti i dispositivi elettronici è il costante bisogno di energia e batterie che tendono a durare una giornata. L’industria verrebbe radicalmente rivoluzionata con l’introduzione di una batteria in grado di durare molto più a lungo e di ricaricarsi in pochi secondi ma se tutto questo sembra soltanto un sogno, oggi vi diciamo che c’è qualcuno che ci sta seriamente lavorando.

ispazio

Sono i ricercatori dell’Università della Florida Centrale che, nei laboratori di NanoScience, hanno creato un prototipo di supercondensatore con il quale si ottiene una batteria che non si usura nel tempo e che risulta sempre efficiente come se fosse nuova. In più, promette un’autonomia pari a circa una settimana con pochi secondi di ricarica.

La ricarica rapida del supercondensatore è dovuta alla sua capacità di accumulare elettricità statica sulla superficie del materiale, anzichè sfruttare reazioni chimiche come avviene nelle comuni batterie. Il materiale è il grafene, elemento reputato interessanti già da qualche tempo in diversi campi per la conversione e stoccaggio dell’energia grazie alla sua stratificazione bidimensionale.

L’idea c’è tutta ed anche un primo prototipo tuttavia passerà ancora del tempo prima che questo progetto sperimentale possa trovare un’effettiva implementazione in dispositivi quali smartphone, smartwatch ed altri indossabili. Pensate a quanto sarebbe bello ricaricare l’iPhone una volta a settimana e l’Apple Watch una volta al mese..

Via | Engadget

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!