Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Notizie

Un dirigente della Foxconn ha rubato 5.700 iPhone per un valore di 1,5 milioni di dollari

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

E’ stata aperta un’indagine su un ex dirigente della Foxconn che, grazie alla complicità di altri dipendenti, è riuscito a rubare migliaia di iPhone da rivendere, per un valore di 1,5 milioni di dollari!

foxconn

Non si è trattata di una bravata di un dipendente di fabbrica, magari frustato da condizioni lavorative troppo opprimenti, ma di un manager senior della società che, tra il 2013 ed il 2014 avrebbe rubato ben 5.700 iPhone 5 e 5S.

Secondo la ricostruzione, questo manager gestiva il reparto dei test nello stabilimento di Shenzhen ed avrebbe ordinato ad 8 dipendenti di sottrarre migliaia di iPhone. Anche se sono trascorsi degli anni, l’anomalia è stata scoperta e denunciata dalla stessa Foxconn a seguito di un controllo interno. Il dirigente è stato allontanato con l’accusa di abuso di fiducia ed ora rischia fino a 10 anni di reclusione.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.