Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple vuole portare su iTunes i film appena usciti nelle sale cinematografiche
Apple

Apple vuole portare su iTunes i film appena usciti nelle sale cinematografiche 

Apple potrebbe riuscire a portare su iTunes i film usciti da poco nelle sale cinematografiche. Secondo il più accreditato giornale finanzioario, tutto questo potrebbe essere possibile.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

ispaziocineapple

Sembrerebbe, stando a quanto riportato da Bloomberg, che Apple stia portando avanti intense discussioni con gli studios per portare su iTunes le pellicole appena uscite nelle sale cinematografiche. Pare infatti che l’azienda californiana stia già da qualche tempo discutendo con gli studios per trovare il modo di concretizzare la cosa. I più grandi, tra cui Warner Bros, Universal Pictures, e 21st Century Fox potrebbero essere interessati alla concessione delle pellicole in sala per il noleggio sulla piattaforma di streaming di Apple.

Di per se, sembrerebbe facilmente fattibile e secondo alcune ipotesi, il prezzo per il noleggio di ogni film uscito da poco nelle sale si aggirerebbe tra i 25 e 50$.

Il problema sorge quando si parla di crittografia, gli studios, infatti, non sarebbero certi della sicurezza offerta da iTunes, poiché i contenuti una volta noleggiati potrebbero essere registrato e diffusi in rete. Fino ad ora tutte le misure prese contro la pirateria in questo campo non hanno portato grossi risultati e il mercato cinematografico ha continuato a risentirne.

Il sistema, spiega Bloomberg, permetterebbe la visione di film usciti da appena un paio di settimane, mentre attualmente i tempi di attesa si aggirano attorno ai tre mesi. Di certo un operazione del genere attirerebbe tantissimi utenti e potrebbe comunque scoraggiare la pirateria. Ci toccherà aspettare per ulteriori informazioni visto che le parti in causa non hanno ancora rilasciato dichiarazioni circa le trattative.

Via | Bloomberg

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.