Microsoft ringrazia Google ed incassa royalties da 10 produttori di smartphone Android

Ben dieci società produttrici di smartphone e tablet con sistema operativo Android, preferiscono pagare royalties alla società di Redmond piuttosto che inciampare in pericolose battaglie legali sui brevetti. A Microsoft, che ha appena visto il lancio degli smartphone Nokia con il proprio sistema operativo, non resta che ringraziare la società rivale Google.

Secondo Goldman Sachsuna delle più grandi e affermate banche d’affari del mondo, nel 2012 Microsoft incasserà più di 500 milioni di dollari grazie agli accordi presi per tutelare i produttori di smartphone Android. Gli accordi stipulati con società del calibro di Samsung, HTC ed Acer, riguardano alcuni brevetti detenuti dal colosso di Redmond ed utilizzati senza alcuna autorizzazione dal sistema operativo Andorid di Google.

Con l’ultimo accordo, stipulato l’azienda taiwanese Compal, le tecnologie in licenza di Microsoft coprono il 55% degli smartphone e dei tablet Android in commercio. Compal è infatti un “original design manufacturer” molto importante nel mondo, produttore di dispositivi di colossi informatici come Amazon, Fujitsu Siemens, Lenovo, Dell, HP, Acer, Toshiba.

I due avvocati di Microsoft,  Horacio Gutierrez e Brad Smit, hanno affermato che la politica dell’azienda sta ridisegnando il panorama dei brevetti dei dispositivi mobili e che molte società dovrebbero affrettarsi a correre ai ripari. La società di Redmond negli ultimi anni ha speso un totale di 4,5 miliardi di dollari per usufruire dei brevetti altrui, perchè, dicono i due avvocati,  “se il nostro software infrange il brevetto di qualcun altro noi affrontiamo il problema, piuttosto che scaricarlo ad altri”.

Via | MobileJournal

Ben dieci società produttrici di smartphone e tablet con sistema operativo Android, preferiscono pagare royalties alla società di Redmond piuttosto…

Reaction
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:
Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.