Il Mac App Store ha bisogno di essere reinventato. MacPaw ci mostra un’alternativa chiamata Setapp [Video]

Non è ancora ben chiaro il motivo per il quale Apple non aggiorna il Mac App Store ma, senza dubbio, l’applicazione che permette di trovare e di installare altre applicazioni sui Mac è davvero limitata, lentissima e non esente da bug.

mac-app-store

Naturalmente il Mac App Store non ha e non raggiungerà mai il successo dell’App Store di iOS perchè sui computer è possibile installare software anche da fonti alternative o scaricarle dal browser, tuttavia anche l’azienda MacPaw pensa che Apple debba lavorarci sopra.

Il Mac App Store non permette agli sviluppatori di fornire aggiornamenti a pagamento ne di individuare facilmente nuovi software.

Il CEO dell’azienda, che probabilmente conoscerete per i software CleanMyMac piuttosto che per Gemini, ha quindi deciso di realizzare un’alternativa al Mac App Store chiamata Setapp, con una soluzione ad abbonamento.

desktop-dock-930x581

L’utente pagherà 10$ al mese ed avrà a disposizione l’accesso illimitato ad una suite selezionata di applicazioni. Setapp aggiungerà una nuova cartella al Mac all’interno della quale visualizzeremo le varie icone delle app disponibili. Bastarà un click per installare quelle che vogliamo e potremo utilizzarle senza limiti, godendo anche degli aggiornamenti, mantenendo attivo l’abbonamento.

“E’ un sistema sempre aggiornato. Non c’è bisogno di pagamenti extra”, dichiara Kosovan.

Setapp verrà proposta a Dicembre in versione Beta e poi a Gennaio diventerà ufficialmente disponibile per tutti.

Voi siete d’accordo sul fatto che il Mac App Store debba migliorare? E se la risposta è si, vi interesserebbe un modello ad abbonamento oppure pensate che i miglioramenti di Apple dovrebbero vertere su altri punti?

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
1011
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: