Nuovi brevetti: iPhone con display flessibile e Apple Watch in grado di scambiare dati con una gesture

Apple continua a depositare interessanti brevetti riguardanti (forse) le nuove generazioni di dispositivi attualmente sul mercato. Parliamo di iPhone, il prodotto di maggior successo della società, e di Apple Watch, dispositivo indossabile che, arrivato alla Serie 2, piace sempre di più agli utenti.

Partiamo con il nuovo brevetto riguardante un iPhone pieghevole. Il documento chiamato “Electronic Devices With Soft Input-Output Components” descrive una serie di interessanti soluzioni per l’utilizzo di display OLED e LED pieghevoli.

Il protagonista del brevetto è un sistema con display flessibile e sensori integrati, collegati a componenti per il feedback tattile composti da uno strato e un substrato elastomerico. Per migliorare la flessibilità di quest’ultimo, potrebbero essere utilizzati dei percorsi a griglia dritti, a serpentina o ondeggianti.

Il brevetto in questione conferma l’interesse di Apple per i display flessibili, settore in cui alcune società concorrenti si sono già addentrate. Come Samsung, che al MWC 2017 svelerà a pochi fortunati i suoi primi smartphone pieghevoli.

Parlando invece di Apple Watch, Apple ha registrato un brevetto che descrive una nuova tecnologia che permette di scambiare automaticamente dati tra due smartwatch.

Quello descritto nel brevetto “Gesture-based information exchange between devices in proximity” è un sistema per il trasferimento in tutti sicurezza di dati tra due Apple Watch. Come suggerisce il nome del documento, i due smartwatch devono essere vicini.

Una nuova interfaccia consente all’utente di abilitare o meno la nuova funzione per il trasferimento. Tale tecnologia è in grado di riconoscere il movimento dell’utente utile per avviare il trasferimento (come il gesto del saluto, esempio proposto da Apple). Le gesture ovviamente possono essere personalizzate in base alle preferenze dell’utente.

Ma quali dati possono essere trasferiti grazie a tale nuova tecnologia? Parliamo di foto, contatti in rubrica, contenuti multimediali e altro ancora. Come è giusto che sia, il trasferimento dei dati è protetto da un sistema di crittografia.

Via | 1, 2

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: