Apple

Apple citata in giudizio per le applicazioni che forniscono dati personali per gli inserzionisti

Il 23 Dicembre, Apple è stata nuovamente citata in tribunale a causa di alcune applicazioni presenti all’interno dell’App Store che rivelano i dati personali degli utenti ai pubblicitari, senza aver dato il consenso.


La causa sostiene che i dispositivi Apple vengono utilizzati per “analizzare tutto ciò che gli utenti scaricano, con quale frequenza lo fanno e per quanto tempo utilizzano i software prima di eliminarli”. Inoltre, le informazioni generiche come l’età, il sesso e le visioni politiche, vengono vendute alle aziende pubblicitarie.

La causa non si limita ad Apple, ma cita anche i creatori di applicazioni popolari come Paper Toss, Pandora, The Weather Channel, e Dictionary.com ritenuti i maggiori responsabili, tra tanti altri. Apple, naturalmente, si difende affermando che rivede ogni applicazione che viene inserita nell’App Store per difendere la privacy degli utenti e rimuove qualsiasi applicazione che “ruba” i dati per scopi dannosi o pubblicitari.

Anche gli interessati alla causa difendono si difendono ed inoltre sostengono che chiunque abbia scaricato le loro applicazioni dal 1° Dicembre 2008 potrà essere soggetto di una “ricompensa”, tuttavia non è ancora  chiaro come si procederà.

Via| 9to5mac

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!