Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

iPhone 8: tante certezze sul design vengono messe in dubbio. C’è lo zampino di Apple? | Redazionale
iPhone 8

iPhone 8: tante certezze sul design vengono messe in dubbio. C’è lo zampino di Apple? | Redazionale 

Apple ha messo a punto un Team per proteggere la fuga di notizie ed i furti di componenti di iPhone. L’azienda è molto arrabbiata perchè i dipendenti delle fabbriche cinesi che inviano o vendono le foto ai giornali, creano confusione, eliminano l’effetto sorpresa e rallentano le vendite degli attuali modelli.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Sulla base di tutta questa premessa, dopo aver parlato per mesi di iPhone 8 con un design ben preciso, un trapezio sulla parte frontale ed un Touch ID integrato nello schermo, adesso, di punto in bianco, si parla di tutt’altro.

Improvvisamente Apple non solo abbandonerà per sempre il Touch ID, rimuovendolo completamente a favore del riconoscimento facciale, ma si fa un passo indietro anche sul design, tornando ad un qualcosa di già visto.

E’ sempre Venyageskin1 a diffondere quest’immagine ricevuta da un dipendente della Foxconn. Stando a quanto scritto, l’uomo è riuscito a scattare questa foto in un’area dove la sicurezza è leggermente minore. In quest’immagine possiamo vedere il pannello frontale del dispositivo e viene anche dichiarato che sicuramente questo modello è entrato in produzione di massa.

I più attenti, ricorderanno sicuramente questo design, che avevamo già pubblicato a Maggio. Purtroppo però, questo modello mostrava un Touch ID sul retro del dispositivo:

Un lettore di impronte digitali sul retro, è la scelta meno probabile per Apple. Jony Ive si occupa del design dei prodotti da moltissimi anni e sappiamo quanto sia maniacale la sua cura per ogni dettaglio estetico. Oltre a rendere gli iPhone troppo simili ad Android con un sensore sul retro, il fattore estetico calerebbe troppo ed è una cosa che Apple non può proprio permettersi.

In conclusione, per come la vedo io, tutta questo caos di notizie che si sta originando negli ultimi giorni, è dovuto proprio al Team di Apple che inizia a lavorare in maniera opposta a quanto potessimo immaginare. Sebbene il loro scopo principale resti sempre quello di evitare la fuga di notizie, qualora quest’ultime fossero già trapelate, l’unica cosa che resta da fare è quella di confondere le acque, diffondendo altre notizie opposte o contrastanti tra loro.

Potrei essere malizioso ma, per quanto mi riguarda, l’iPhone 8 potrebbe essere stato già svelato da tempo e queste nuove immagini, sicuramente meno accattivanti, dovrebbero servire soltanto a riottenere l’effetto “Wow” durante la presentazione ufficiale.

Entrambi Bloomberg e l’analista di KGI potrebbero essere stati pagati direttamente Apple per diffondere le notizie dell’altro giorno. Dichiarare la totale assenza di un Touch ID ha scatenato migliaia di commenti di persone incredule e “frustate” da questa novità.. Immaginate quindi la sorpresa e la gioia quando a Settembre Apple annuncerà non solo la presenza del Touch ID, ma anche la sua totale integrazione nel display (come ci suggerisce in diverse schermate il nuovo iOS 11).

Il marketing è un meccanismo tutt’altro che semplice ed Apple ha sempre saputo muovere bene le sue carte sotto questo punto di vista.

Per quanto ci riguarda è naturale sperare in quel modello “avanzato” di cui si parlava fino alla settimana scorsa piuttosto che questo clone di Android ma probabilmente possiamo ancora continuare a credere che il prossimo smartphone di Cupertino sarà proprio come vedete qui sotto:

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.