L’analista Ming Chi Kuo di KGI è stato il primo in assoluto a darci i dettagli dell’iPhone X con un enorme anticipo e bisogna dire che ha indovinato tutto. Adesso, dopo la presentazione, torna a parlare prevedendo una domanda assai maggiore rispetto alla quantità di smartphone che Apple riuscirà a produrre.

Questo tipo di articolo si ripete ogni anno: “scorte limitate, gli iPhone andranno subito in esaurimento, etc etc”. Quest’anno però il problema sembra essere reale e del tutto simile a quello che si è avuto con le AirPods.

In questo caso le scorte arriveranno col contagocce e non sarà un problema soltanto per gli utenti ma anche per Apple perchè l’azienda fisicamente riuscirà a produrne di nuovi in tempi più lunghi rispetto al solito. Tutto questo porterà la domanda a superare l’offerta e i tempi si allungheranno esponenzialmente.

Secondo Ming-Chi Kuo, soltanto a Giugno 2018 si riuscirà ad entrare in un Apple Store e a trovare immediatamente disponibile un iPhone X da acquistare.

I preordini saranno davvero essenziali quindi, soltanto poche persone riusciranno ad averlo subito, tutti gli altri dovranno attendere (anche dei mesi).

Secondo i rumors, l’iPhone X avrebbe dovuto avere una variante aggiuntiva in Oro ma il fatto stesso che il modello Gold non sia stato annunciato parrebbe rafforzare la tesi che la linea produttiva è andata incontro a dei rallentamenti e che questo abbia costretto l’azienda a limitarsi a due colorazioni.

Anche la produzione dello schermo è molto più lenta dei precedenti Display Retina LCD e tutto questo fa scendere le previsioni di vendita dai precedenti 50 milioni di unità vendute entro la fine dall’anno a “soli” 40 milioni.