AppleiPhoneNotizie

La questione “Batteria” di iPhone sta indebolendo la fiducia degli utenti in Apple e in Tim Cook

Secondo CNET, i recenti avvenimenti sulla batteria di iPhone stanno facendo perdere di credibilità Apple, facendo scendere (di conseguenza) anche la fiducia in Tim Cook.

Analizziamo brevemente l’intera vicenda per chi si fosse perso qualche notizia nei giorni scorsi:

Al centro della questione c’è la batteria degli iPhone che, col passare degli anni, invecchia perdendo capacità ed autonomia. Tutto questo è assolutamente normale ma Apple (senza dire nulla) ha deciso di abbassare anche la frequenza e quindi la potenza della CPU quando la batteria inizia ad invecchiare.

Come conseguenza, gli utenti non avvertono un drastico calo in termini di durata della batteria, nemmeno con il passare degli anni, ma a farne le spese sono le performance. Lo smartphone viene infatti rallentato (di proposito) così la CPU non è più sottoposta a picchi energetici alti per gestire alla massima potenza i vari processi e consuma meno batteria.

E’ già partita una class action a riguardo perchè sebbene Apple giustifichi l’azione per permettere agli utenti di arrivare a sera con la batteria ancora carica, altri definiscono questo fenomeno come obsolescenza programmata, riducendo le performance al punto di costringere gli utenti a passare al nuovo modello.

CNET ha dedicato un editoriale completo a questo argomento sostenendo che Tim Cook ha sempre voluto presentare Apple come un’azienda degna di fiducia, fin troppo attenta alla privacy e gli interessi degli utenti, anche dove altre aziende (Google, Facebook e così via) falliscono. iOS infatti implementa sistemi sofisticati per la sua intelligenza artificiale, per il riconoscimento dei volti e per i suggerimenti di Siri che non vanno mai ad esportare i contenuti su internet bensì lavora direttamente sul dispositivo, in maniera privata e protetta senza esporre i dati degli utenti a terze persone. Sulla questione batteria invece, Apple agisce in maniera del tutto nascosta. Anche se l’azienda operasse in buona fede, per la sola tutela e salvaguardia del dispositivo, non ha mai informato gli utenti su ciò che avviene ed è proprio questo che infastidisce e fa perdere di credibilità.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!